Mark Strand: … Poi, ada­gio, il lago si schiuse come un occhio bianco e lui si ritrovò bambino …

Si chinò sul foglio

e a lungo non vide niente.

Poi, ada­gio, il lago si schiuse

come un occhio bianco

e lui si ritrovò bambino,

a gio­care con i cugini,

e c’era un prato

e un filare di piante

che scen­deva fino all’acqua.

Era un caldo pome­rig­gio d’agosto

e una festa

stava per iniziare.

Si chinò sul foglio

e scrisse:

segue qui   Mark Strand/La denarrazione | Rablè – scuola di scrittura creativa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.