Vai al contenuto

Mesefebbraio 2015

Edoardo Boncinelli: “Noi siamo i nostri ricordi e in primo luogo il tipo di criterio utilizzato per far prendere forma di ricordo alle nostre percezioni”, in Corriere della Sera febbraio 2015

queste tracce nervose non rimangono lì inerti e fisse, ma vengono sistemate e riorganizzate di continuo. Tale fatto può stupire perché il modo che a noi sembrerebbe migliore per conservare … Continua la lettura di Edoardo Boncinelli: “Noi siamo i nostri ricordi e in primo luogo il tipo di criterio utilizzato per far prendere forma di ricordo alle nostre percezioni”, in Corriere della Sera febbraio 2015

LUXIFER, concerto teatrale con MATTEO GAZZOLO, a cura della associazione artistica ORIZZONTI INCLINATI, venerdì 20 febbraio, ore 21, alla SALA MUSA dell’Istituto Carducci, Viale Cavallotti, COMO

Per informazioni sull’acquisto dei biglietti: EMAIL: teatroarte@iol.it TELEFONO: 39 329 381 76 86  

MARK STRAND, Cos’era? … era l’inizio di una sedia, tradotta da Damiano Abeni e letta da Mimmo Pelini

Cos’era I Era impossibile da immaginare, impossibile da non immaginare; la sua azzurrezza, l’ombra che lasciava, che cadeva, riempiva l’oscurità del proprio freddo, il suo freddo che cadeva fuori da … Continua la lettura di MARK STRAND, Cos’era? … era l’inizio di una sedia, tradotta da Damiano Abeni e letta da Mimmo Pelini

Mario Porro (a cura di), Gadda e la Brianza. Nei luoghi della «Cognizione del dolore», Milano, Medusa Edizioni, 226 pp., 2007, ISBN 978-88-7698-081-7

Fra i due rami del Lago di Como si stende il territorio dell’alta Brianza. Qui, a Longone al Segrino, poco sopra Erba, a fine Ottocento il padre di Gadda fece costruire una … Continua la lettura di Mario Porro (a cura di), Gadda e la Brianza. Nei luoghi della «Cognizione del dolore», Milano, Medusa Edizioni, 226 pp., 2007, ISBN 978-88-7698-081-7

màschera, tratta da: lo Zingarelli 2014 Vocabolario della lingua italiana di Nicola Zingarelli Zanichelli editore

La parola di oggi è: maschera La parola del giorno dello Zingarelli e la sua pronuncia sono disponibili all’indirizzo http://dizionaripiu.zanichelli.it/parola-del-giorno/  Sillabazione: mà–sche–ra♦màschera / ˈmaskera/ o †màscara (1)[etim. discussa: da masca ‘strega’, di orig. preindeur. (?) ☼ 1353]s. f.1 finto volto fatto di vario materiale, generalmente provvisto … Continua la lettura di màschera, tratta da: lo Zingarelli 2014 Vocabolario della lingua italiana di Nicola Zingarelli Zanichelli editore

“Direi volentieri (e non è una battuta) che il primo obiettivo dell’educatore è quello di formare degli autodidatti”, di Beppe Sebaste in Il libro dei maestri. Porte senza porta rewind, Luca Sossella editore. Con CD Audio

Direi volentieri (e non è una battuta) che il primo obiettivo dell’educatore è quello di formare degli autodidatti, PER LEGGERE L’ARGOMENTAZIONE COMPLESSIVA DI BEPPE SEBASTE VAI A: Porte senza porta: … Continua la lettura di “Direi volentieri (e non è una battuta) che il primo obiettivo dell’educatore è quello di formare degli autodidatti”, di Beppe Sebaste in Il libro dei maestri. Porte senza porta rewind, Luca Sossella editore. Con CD Audio

“L’adolescenza non è solo una stagione della vita, ma … , CITAZIONE da Umberto Galimberti

“L’adolescenza non è solo una stagione della vita, ma una modalità ricorsiva della psiche dove i tratti dell’incertezza, l’ansia per il futuro, l’irruzione delle istanze pulsionali, il bisogno di rassicurazione … Continua la lettura di “L’adolescenza non è solo una stagione della vita, ma … , CITAZIONE da Umberto Galimberti

Stavo per superare Salvatore quando ho sentito mia sorella che urlava. Mi sono girato e l’ho vista sparire inghiottita dal grano che copriva la collina, da Io non ho paura di Niccolò Ammaniti

Stavo per superare Salvatore quando ho sentito mia sorella che urlava. Mi sono girato e l’ho vista sparire inghiottita dal grano che copriva la collina.Non dovevo portarmela dietro, mamma me … Continua la lettura di Stavo per superare Salvatore quando ho sentito mia sorella che urlava. Mi sono girato e l’ho vista sparire inghiottita dal grano che copriva la collina, da Io non ho paura di Niccolò Ammaniti

“Tra i vari edifici pubblici di una certa città che per molte ragioni evito di nominare e a cui non voglio dare alcun nome fittizio, ve n’è uno comune da tempo a molte città grandi e piccole, voglio dire l’ospizio di mendicità., da: Le avventure di Oliver Twist — Charles Dickens

“Tra i vari edifici pubblici di una certa città che per molte ragioni evito di nominare e a cui non volgio dare alcun nome fittizio, ve n’è uno comune da … Continua la lettura di “Tra i vari edifici pubblici di una certa città che per molte ragioni evito di nominare e a cui non voglio dare alcun nome fittizio, ve n’è uno comune da tempo a molte città grandi e piccole, voglio dire l’ospizio di mendicità., da: Le avventure di Oliver Twist — Charles Dickens

Nell’ombra della casa, sulle rive soleggiate del fiume presso le barche, nell’ombra del bosco di Sal, all’ombra del fico crebbe Siddharta, da Siddharta di Hermann Hesse

Nell’ombra della casa, sulle rive soleggiate del fiume presso le barche, nell’ombra del bosco di Sal, all’ombra del fico crebbe Siddharta, il bel figlio del Brahmino, il giovane falco, insieme all’amico … Continua la lettura di Nell’ombra della casa, sulle rive soleggiate del fiume presso le barche, nell’ombra del bosco di Sal, all’ombra del fico crebbe Siddharta, da Siddharta di Hermann Hesse

il cambiamento può essere così costante che non senti nemmeno la differenza fino a quando non cambia tutto, DAL FILM L'ultimo sogno – Wikiquote.

Però sai qual è la cosa stupenda? È che il cambiamento può essere così costante che non senti nemmeno la differenza fino a quando non cambia tutto. Può essere un processo così … Continua la lettura di il cambiamento può essere così costante che non senti nemmeno la differenza fino a quando non cambia tutto, DAL FILM L'ultimo sogno – Wikiquote.