scrive G.A.: “In quel bambino della foto ci sei, Come in un attimo di eterno Nello sguardo che ancora in te vive e ritorna Anche dopo anni di storia”

Caro Paolo, In quel bambino della foto ci sei, Come in un attimo di eterno Nello sguardo che ancora in te vive e ritorna Anche dopo anni di storia Li’ tu ci sei vivo come allora Pronto a ritornare sempre Nel correre del tempo Quella tua foto resterà nell’eterno E tu con lei Per sempre
Scritta ora osservando la tua splendida fotografia
G.A.
40-paolo-adolescenza042

GRAZIA APISA GLORIA, Se un mattino dal mare …, Golden Press, Genova, 2014

cara grazia
è arrivato il tuo libro con allegato il cd delle letture di pelini
GRAZIE
deve essere molto  emozionate per te avere un così ampio repertorio di poesie da poter realizzare un altro bel libro: vent’anni di pubbliche parole ..
il libro è un oggetto meraviglioso
spero proprio che l’umanità non lo sostituisca con altri oggetti che non hanno la stessa forza tattile
tu sai che trovo sorprendente la polifonia dei tuoi versi che si fondano tutti sul medesimo ceppo ispirante
come un mandala
saluti cari
e grazie ancora, anche da parte di luciana
apisa1666 apisa1667 apisa1668 apisa1669 apisa1670 apisa1671 apisa1672 apisa1673 apisa1674

Questo slideshow richiede JavaScript.

28 anni di matrimonio: felice anniversario

Ai nostri carissimi amici Luciana e Paolo
auguriamo un felice anniversario.
Luigina e Chicco
———————————————————————————–
Auguri infiniti per l’anniversario , domani, del vostro matrimonio…
Un caro abbraccio a te ed a Luciana
Grazia Apisa
———————————————————————————–
e allora TANTISSIMI AUGURI DI ANNIVERSARIO DI MATRIMONIO!!!

abbracci a entrambi
t
——————————————————————————————–
Aggiungo le mie felicitazioni Carlo F.
———————————————————————————————-
avete scelto proprio una bella data per il vostro matrimonio! auguri affettuosi
ac
———————————————————————————————-
Posso inserirmi anch’io per esprimere sinceri auguri?
g s
———————————————————————————————-
che bello sposarsi il primo giorno di primavera!!! è beneaugurante. un abbraccio felice a voi.
mc
———————————————————————————————-
 Augurissimi!!
e t
—————————————————————————————————-
UN  GRANDE  A B B R A C C I O…….P I E N O  DI  A U G U R I…………PER
LE  PROSSIME  TAPPE  I N S I E M E…….
ANNA   E  CARLA
21.03.2013…..BELLA SCELTA….IL 1° GIORNO DI PRIMAVERA !
—————————————————————————————————-

Grazia Apisa Gloria legge la poesia SEDICI APRILE, GENIUS LOCI, ispirata ad Antona Pozzi e dedicata a me

Sedici aprile   Genius Loci  

                                         
Lei fu solo l’annuncio
Improvvisa la decisione
di vedere l’Angelo del luogo
Necessità  di nuovo sguardo
necessità di nuovi percorsi
nuovi spazi nello Spazio
Fu l’amore a condurmi
Fu l’amore a guidarmi
Qualcosa in me chiedeva
di vedere
Si vede sempre la seconda volta
Antonia
tu mi hai indotta all’incontro
con il tuo con il suo cielo
Tu hai cercato l’abbraccio di luce
il tuo adorato lago
Sulla Valsassina
verso Pasturo
la montagna innevata
abbracciata dai manti verdi
di colline e monti
si spalancò nel sole mattutino
Paesaggio campestre
sogno della tua infanzia
che mi ha guidato alla tua casa
al luogo della vita
al luogo della morte
Al luogo d’amore
Fu il tuo amore a condurmi
e le parole tue mi parlavano
di perdute tenerezze
E tu Amico
eri ad ogni mio passo
presente
con il tuo sguardo dolce
di poeta
mi hai aperto all’amore del luogo
al Genius Loci
al ritrovamento di un nuovo spazio
nello spazio
Per questo stamattina
la tua mano mi ha destata
ne ho percepito il tocco soave
ho udito ancor più forte
il tuo pensiero:
“Quando non ci sarò più…”
Sei tu     in me
oggi “l’angelo che qui
vicino a me sorride” 
Grazia Apisa Gloria
(Dedicata a Paolo Ferrario e ad Antonia Pozzi)
Genova, 20 aprile 2010
——————————
da un carteggio con Grazia Apisa:
è bellissima
già la poesia lo era. con quel tuo essere fra le mie montagne di lago sulle sue tracce
e poi il sogno del mattino …
ma qui la tua voce ne rafforza la potenza empatica
sono contento di esistere se ho saputo suscitare, con la mia ricerca di senso, di luogo, di comunicazione questa tua ispirazione
e poi c’è l’altra poetessa , quella antonia pozzi così desiderosa di amore, così sfortunata di padre e di tempo storico in cui è vissuta

Grazia Apisa Gloria, LA TUA SOMMESSA VOCE, ispirata alla poetessa Antonia Pozzi e dedicata a Paolo Ferrario

LA TUA SOMMESSA VOCE
                                                                   
Sono tornata a trovarti
e ho udito parlare
il tuo dolore
il tuo spezzato sogno
l’amore non vissuto
Ho ascoltato
il lieve tuo canto
in quella terra
avvolta nel silenzio
terra dove l’incanto
dolce
della primavera
può  rendere più acuto
il dolore del cuore
e la solitudine
diviene grave peso
di memorie
che accompagnano
note di morte
pensieri d’amore tramutano
in deserto
La tua sommessa voce
ho quasi udito
venirmi incontro
quasi lamento
Antonia
la tua anima
nell’abbraccio divino
ha forse oggi trovato
la pace
Lieve fu il tuo passare su questa terra
sconosciuta la tua poesia
poesia d’amore
di dolci armonie
che solo la natura
la vicinanza dei tuoi amati luoghi
ti concesse
Fu la tua vita un sospiro nel vento
l’impotenza di esistere
dove l’amore tace
Al cadere di foglie il vento sospirante
ti sottrasse all’inutile mondo
Lasciasti solo
la tua verde spoglia
e volasti lontano
nell’infinito cielo
che ti accolse e ti amò
nel firmamento di dilette stelle 

Grazia Apisa Gloria, Genova,27 marzo 2010
dedicata a Paolo Ferrario, che mi ha fatto conoscere Antonia Pozzi

Grazia Apisa Gloria, LA TUA SOMMESSA VOCE, ispirata alla poetessa Antonia Pozzi e dedicata a Paolo Ferrario

LUOGHI del LARIO e oltre ...

LA TUA SOMMESSA VOCE
                                                                   
Sono tornata a trovarti
e ho udito parlare
il tuo dolore
il tuo spezzato sogno
l’amore non vissuto
Ho ascoltato
il lieve tuo canto
in quella terra
avvolta nel silenzio
terra dove l’incanto
dolce
della primavera
può  rendere più acuto
il dolore del cuore
e la solitudine
diviene grave peso
di memorie
che accompagnano
note di morte
pensieri d’amore tramutano
in deserto
La tua sommessa voce
ho quasi udito
venirmi incontro
quasi lamento
Antonia
la tua anima
nell’abbraccio divino
ha forse oggi trovato
la pace
Lieve fu il tuo passare su questa terra
sconosciuta la tua poesia
poesia d’amore
di dolci armonie
che solo la natura
la vicinanza dei tuoi amati luoghi
ti concesse
Fu la tua…

View original post 67 altre parole