“Sei sereno? Spesso lo sono. Vedo il significato di questa parola associata a provvisori stati esistenziali rafforzati dallo “stare in luce”. Sono sereno in giornate di sole, quando passeggio per il giardino, vedo le montagne e il brillare  delle acque del lago … “. Un frammento biografico nato da un dire di Emanuele Severino, Paolo Ferrario, 22 novembre 2017, ore 17 e 41

La forza del pensiero di Emanuele Severino consiste in questo:

la sua analisi è talmente stabile (“stà”) che diventa possibile rielaborare per se stessi il suo linguaggio argomentativo

E così mi viene in mente di “trasformare” le sue parole

“Sei sereno?”

Spesso lo sono.

Vedo il significato di questa parola associata a provvisori stati esistenziali rafforzati dallo “stare in luce”. Sono sereno in giornate di sole, quando passeggio per il giardino, vedo le montagne e il brillare  delle acque del lago.

Percepisco come la luce permetta di vedere le cose e i colori delle cose. E’ sentendomi sereno che posso guardare ai fatti della politica e della storia o alle vicende biografiche mie e di altri. Effettivamente è la luce che aiuta a procedere in cammini oscuri, come quando si cammina in un bosco.

Come individuo sono abbastanza sereno. Non del tutto: abbastanza. C’è un filosofo che mi consente di fare chiarezza. Non so bene cosa voglia dire “essere me stesso”, tuttavia riesco a stabilire qualche differenza fra il me e la cose che mi stanno attorno, Certo ci sono molte ombre nel bosco. Ma ho sperimentato che il portarmi verso me stesso non è del tutto in conflitto con la serenità

Penso, respiro, vivo, mi relaziono  Non  mi sembra ci siano altre vie.

Quel filosofo che sta accompagnando i miei ultimi anni dice che, a causa della stessa filosofia, siamo dentro l’errore.

Forse si può “stare sereni ” (almeno un poco) anche se siamo dentro l’errore”

Paolo Ferrario, 22 novembre 2017, ore 17 e 41

 

Quanto ho scritto sopra (forse frutto dell’ “errore” ) nasce da questo dire di Emanuele Severino:

“D. Lei è sereno?
R. Penso di no.
Intravedo affinità tra il significato di questa parola e la verità. Quando parlo di serenità penso a una giornata di sole, col cielo terso, cioè a quella condizione di luce che permette di vedere le cose, di percepire i colori. È la serenità che ci consente di guardare in faccia cos’è la giustizia, la temperanza, concetti peraltro ombrosi. Solo quando c’è luce si può andare per i cammini oscuri.
Come individuo sono poco sereno, però la filosofia è il luogo della serenità e della chiarezza. Un uomo che vuole essere se stesso stabilisce una differenza tra sé e le altre cose gettando un’ombra.
Il portarsi verso se stessi è l’opposto dell’apertura della serenità. Proprio in quanto esseri pensanti non ci è data la possibilità di sentirci sereni. Così come, proprio in quanto siamo individui, non ci è data la possibilità di stare al di fuori dell’errore.”
 
Intervista di Emanuela Zanotti a Severino, in Giornale di Sicilia 1983.

il SOGNO sul RACCONTARE, notte del 19 novembre 2017

AUDIO DEL SOGNO

MAPPE del SOGNO:

signo racontare1629signo racontare1630signo racontare1631


I racconti sul COLORE di Luciana:

IL COLORE ROSSO, racconto di Luciana 

IL COLORE VERDE, 14 aprile 2013, racconto di Luciana

Il COLORE GIALLO, racconto di Luciana

Il COLORE MARRONE, racconto di Luciana

Il COLORE BIANCO, racconto di Luciana

Il COLORE VIOLA, racconto di Luciana


 

i “quasi Haiku” di Paolo

https://traccesent.com/?s=quasi+haiku

REVERIE: come nasce un progetto di comunicazione dopo un sogno

CARISSIME
giro a tutte voi autrici del libro SGUARDI SUL SERVIZIO SOCIALE il messaggio che questa mattina ho inviato a M. L. , sull’onda del mio entusiasmo per questa idea che (pensate) mi è stata suggerita da un sogno
. .. sì da un sogno, … sapete quei pensieri che si fanno quando ci si sveglia e si riflette sul sogno appena fatto e che sta sfumando nella dimenticanza. allora bisogna afferrarlo. i francesi  chiamano questa operazione REVERIE. in questi casi io scrivo o registro in quei momenti
questa è la mail con un mio audio:
cara M.
non mi sono dimenticato del progetto di dare continuità al convegno di presentazione di SGUARDI SUL SERVIZIO SOCIALE
mi è venuta una idea che ti espongo in questo audio
se sei d’accordo comincio a lavorarci
ti assicuro che la gestione dei blog è una mia capacità tecnica ed è facilissimo (una volta che si impara)
ti assicuro che sarà un modo formidabile per promuovere i CONTENUTI del libro
e questo è il blog come si presenta in rete:
nel giro dela giornata lo completo con i rimandi a tutti i SINGOLI INTERVENTI
e poi ci sarà da estrarre dal convegno anche lì tutti i singoli interventi
l’obiettivo è non perdere nulla di questo vostro eccezionale progetto
ciao a tutte e buon 2017

Reverie sui CIMITERI, 31 ottobre/1 novembre 2016, 2 tracce AUDIO


VAI ALLO SCAFFALE “SOGNI E REVIERIE DI PAOLO”:

https://traccesent.com/category/5-destino/autobiografia/sogni-e-reverie-di-paolo/


Caro Paolo

Ho ascoltato con molto piacere le tue riflessioni e mi ha fatto molto piacere che tu abbia voluto condividerle con me.

Ai temi che tu hai trattato aggiungerei anche quello di un incontro con noi stessi, o, meglio, di un incontro con il ricordo di noi stessi ai tempi in cui le persone ora morte erano ancora vive – per questo, credo ci soffermiamo spesso su tombe di persone morte da diversi anni, quando ‘noi’ eravamo giovani o giovani adulti….

Un carissimo saluto

Carla

la TERRA e le TRACCE, sogno/rêverie del 2 agosto 2016

AUDIO di  la TERRA e le TRACCE,  sogno/rêverie del 2 agosto 2016


Carteggio con CLAUDIA ROSI (contatto Linkedin)

  • è un sogno tranquillo rispetto ai cambiamenti.  Il taglio dei capelli sembra mostrare l’azione di “darci un taglio”, smettere qualcosa, perché si è riusciti a prendere una decisione rispetto alle cose che veramente contano in questo momento, cose che hanno un futuro di semplicità e di autenticità. la terra rimanda al contatto con la realtà, ma ad una realtà antica e nuova, dimenticata e ritrovata. Forse c’è ora una sintonia con la madre terra che permette al vero sé di manifestarsi. le tracce,poi, sono frammenti luminosi, per come vengono descritti, sembrano scintille primordiali, pezzi della creazione che dopo il big bang vanno cercando con pazienza, senza la persecuzione del cronos, uno spazio ,,un tempo ed un luogo in cui essere e magari non per sempre. pezzi, tracce, che non pretendono di essere messe in ordine, ma di brillare al momento giusto. alcune parti di noi sono così, disordinate, ma non prive di valore o di creatività. indicano, sogno un segno, una traccia. rispettano il divenire e mi sembrano simboliche della non azione sistematica, pratica, veloce, che dia senso sempre a tutto. tracce. si capisce che questo sogno mi è piaciuto perché appartiene un po’ a tutti. si inizia con un taglio di capelli, poi si vive semplicemente, si dà un taglio.
  • cara Claudia, devi sapere che io sono quasi calvo (calvizie da vecchiaia). dunque hai ragione: il taglio dei capelli è una sottolineatura attraverso cui il sogno mi comunica l’esigenza di cambiare. visto che si può e deve cambiare ad ogni fase del ciclo della vita. saluti cari e buon lavoro psicanalitico 
  • è, comunque, un bel sogno…lascia tracce. Saluti è Buon lavoro anche a te

Sogno mio padre: "Su Duke Ellington avevi ragione tu"

Sono abbastanza certo di non avere mai sognato mio padre (Guido Ferrario, 1917-1988).

Questa notte, invece, arriva questo sogno

Lo vedo, e lo abbraccio dicendo:

Su Duke Ellington avevi ragione tu

E’ sorpreso, ma anche compiaciuto

rêverie

rêverie / reveˈri*, fr. ʀɛvˈʀi/
[vc. fr., da rêve ‘sogno’, deriv. di rêver ‘sognare’, comp. di re- e un v. non attest. *esver ‘vagabondare’, che risale al lat. parl. *ĕxvagus ‘vagabondo’ (da văgus ‘vago’) av. 1808]
s. f. inv.
● sogno, abbandono fantastico | nel linguaggio della critica, opera dalla quale traspaiono sogni, fantasie, fantasticherie: una rêverie musicale, poetica

La parola è tratta da:
lo Zingarelli 2014
Vocabolario della lingua italiana
di Nicola Zingarelli
Zanichelli editore

il sogno dell'edicola specializzata: OCCIDENTE, notte del 29 agosto 2014

Mi trovo ospite in una casa non mia.

Esco e mi perdo nella città.

Finisco in una edicola specializzata. Vado nel settore Politica Internazionale e cerco riviste e giornali. Il tema chiave è OCCIDENTE.

Fra gli scaffali delle vendite di seconda mano vedo libri e riviste che mi appartenevano nel passato. In particolare c’è la collezione de La Vasca.