SEVERINO EMANUELE

TRACCE: «la necessaria presenza di ogni essente in ogni altro essente – necessaria, in quanto ogni essente, essendo eterno, è necessariamente in relazione ad ogni altro essente» (Emanuele Severino)

la «terra isolata» si chiama così perché è «separata» dal «destino». Questa disgiunzione è stata portata a termine dal «linguaggio». Ed infatti, la «terra isolata» reca con sé due giudizi di valore: 1) essa è l’«errore» 2) essa è anche «interpretazione». Ma la «terra isolata» non è la sola terra […]

la paura di “essere dei re” di Emily Dickinson e il “siamo re che si credono mendicanti” di Emanuele Severino

Originally posted on Antologia del TEMPO che resta:
Non conosciamo mai la nostra altezza  Finché non siamo chiamati ad alzarci.  E se siamo fedeli al nostro compito  Arriva al cielo la nostra statura.  L’eroismo che allora recitiamo  Sarebbe quotidiano, se noi stessi  Non c’incurvassimo di cubiti  Per la paura di…

Il “Sindaco per sempre” BRUNO BONI, morì improvvisamente il 6 febbraio 1998 e, come da sua disposizione, gli venne posto nel feretro il libro di Emanuele Severino “Oltre il linguaggio”

La VII edizione del Natale nelle Pievi (8 dicembre 2011 – 6 gennaio 2012) conserva l’impostazione che negli anni l’ha fatta apprezzare tanto da qualificare questa rassegna come un appuntamento irrinunciabile per i bresciani, ma anche nelle province confinanti.Al centro della manifestazione, una figura importante per la storia della città: Bruno […]

Emanuele Severino: … di tutte le cose è necessario dire che è impossibile che non siano, cioè è necessario affermare che tutte sono eterne | da Coatesa sul Lario e dintorni

… la follia essenziale si esprime nella persuasione che le cose escono e ritornano nel niente. Il mortale è appunto questa volontà che le cose siano un oscillare tra l’essere e il niente. Al di fuori della follia essenziale, di tutte le cose è necessario dire che è impossibile che non siano, cioè […]

Parmenideo, tendenza Severino: … nella verità si mostra il vero Essere che è sempre salvo dal nulla …

Parmenideo, tendenza Severino: ” Il pensiero dell’opposizione infinita tra l’essere e il nulla viene alla luce, nel popolo greco, insieme al pensiero che ci si possa salvare dall’annientamento, in cui la morte consiste, solo con la vera salvezza – quella che appare e si produce con l’apparire della verità. Nella […]

Emanuele Severino, Patibolo: le tesi deboli, da Corriere della Sera del 5 gennaio 2007, pag. 1

Non ho voluto stare fuori dalla discussione sulla pena di morte applicata ad un dittatore – sterminatore in questa recente transizione di fine ed inizio anno. Forse avrei dovuto preferire il silenzio. Preferisco avere amici, sia pure di rete, piuttosto che antipatizzanti. Ma ritengo che rivelarsi in occasione di eventi cruciali, sia […]

Emanuele Severino

Emanuele Severino Brescia, 1929 Documenti correlati   VITA Nato il 26 gennaio 1929 a Brescia, Emanuele Severino si laurea a Pavia nel 1950 con Gustavo Bontadini, con una tesi su “Heidegger e la metafisica”. Ottiene la libera docenza in filosofia teoretica nel 1951. Dopo un periodo di insegnamento come incaricato […]