l’ADDIO DEL GLORIOSO ALBICOCCO, visto da Luciana, 11 marzo 2013

E’ sempre stato così: quando l’aria ancora profuma di calicanto e i primi temerari narcisi sbirciano dalla bordura il risveglio dell’incipiente paesaggio primaverile, lui è là, con le braccia protese verso il lago già addolcite dal bianco-rosa dei delicati fiori.

P1050662

P1050669 (FILEminimizer)

Era.

Non farò mai abbattere quest’albero finché non sarà totalmente morto”, è stato per anni il commento di Paolo di fronte agli inevitabili tagli compiuti dal giardiniere durante la potatura invernale.

Addolorati, di anno in anno assistevamo alle amputazioni necessarie per consentire al grande albero di non affaticarsi ulteriormente nel suo lento processo di decadimento.

Cicatrizzante, concimazioni, lozioni ecologiche per riparare le ferite delle malattie … lui gradiva le cure e attraversava ancora una volta la stagione, esortando i sempre più fragili nuovi rametti a vivere gioiosamente l’avventura del tempo che resta.

P1050671 (FILEminimizer)

Tra i cinquanta e i sessant’anni l’età stimata. Quando siamo arrivati noi, lui era già là, grande albero storico insieme al fico, al caco e a un melo selvatico (quest’ultimo deceduto una quindicina di anni fa) a segnare quei corridoi che in seguito avrebbero accolto le nostre sperimentazioni frutticole, tutt’ora in corso.

Nel nostro giardino abbiamo assistito a tante morti, ma i tre “capostipiti” in qualche modo garantivano una rassicurante continuità.

Non siamo così sprovveduti da confidare nell’immortalità: in particolare l’albicocco dava segnali inequivocabili da almeno dodici anni. I frutti infatti, trascorsa la primavera, nel momento in cui ingrossavano e cambiavano colore, mostravano la malattia che ne impediva la conservazione. Metà arancione e metà marrone. Metà salvata per macedonie e marmellate e metà a consumarsi nel terreno.

IMG_1376

Ma poco importava. Lui ogni anno si svegliava, primo fra tutti, a volte anche seguendo il bizzarro clima più caldo e fiorendo pure in pieno febbraio, rischiando poi le gelate tardive.

Ogni anno le braccia sempre più deboli e malate, ma comunque vive e orgogliose di esserci.

Quest’anno non si è svegliato più. L’aria ancora profuma di calicanto e i primi narcisi ancora sono lì a sbirciare chi si deciderà a seguirli.

Ma lui è già stato rimosso. Residui di tronco sono ad attendere l’incenerimento e trovare pertanto una nuova dimora.

P1130554 (FILEminimizer)

P1130555 (FILEminimizer)

P1130558 (FILEminimizer)

Di lui ci accompagnerà un vasetto di marmellata gelosamente custodito come cimelio nella dispensa e la scelta di abitare quella buca esposta con lo stesso colore arancione.

Questa volta però non di un albicocco ma di un nuovo virgulto di caco, probabile successore della speriamo lontana fine del  fratello capostipite che impera nel corridoio più in alto.

P1130556 (FILEminimizer)

P1130557 (FILEminimizer)

Grazie, caro albicocco. Grazie per avere accompagnato le nostre stagioni, per avere risvegliato i giorni invernali con la tua dolcezza, per avere colorato insalate di frutti, per avere rinforzato tartarughe e uccelli, per averci ricordato la caducità della vita.

4 pensieri su “l’ADDIO DEL GLORIOSO ALBICOCCO, visto da Luciana, 11 marzo 2013

    1. grazie simona. ora sta crescendo al suo posto un piccolo caco. ma gli alberi, come sai, sono lunghi a crescere. come dice il proverbio africano il milgiore periodo per piantare un albero è 20 anni fa. e il secondo periodo è OGGI. dunque: bonne chance all’ albicocco che pianterai. un caro saluto, paolo

      "Mi piace"

  1. La natura ringrazia. Ne pianterò uno io per commemorarlo e rievocare il vostro sentire.
    Simona

    Pace di Primavera.

    O gloriosa pace,
    della terra, nel sole;
    pace di primavera,
    sacro silenzio pieno

    di palpitanti foglie,
    tentato ad ora a ora
    da un trillo alto, vivace
    d’augel che si allontana;
    non sei tu forse arcana
    della terra preghiera?

    Non son forse parole
    gl’inesplicati odori
    dei felici tuoi fiori?
    Raggiante in bel sereno
    il cielo ampio le accoglie;

    certo la terra adora,
    sente la terra amore;
    il palpito immortale
    io sento del suo cuore.

    L.Pirandello da L’Aquilone “Antologia Italiana per la Scuola Media” Società Editrice Internazionale 1959

    "Mi piace"

  2. L’ha ribloggato su Verde&Sostenibilee ha commentato:
    La natura ringrazia. Ne pianterò uno io per commemorarlo e rievocare il vostro sentire.
    Simona

    Pace di Primavera.

    O gloriosa pace,
    della terra, nel sole;
    pace di primavera,
    sacro silenzio pieno

    di palpitanti foglie,
    tentato ad ora a ora
    da un trillo alto, vivace
    d’augel che si allontana;
    non sei tu forse arcana
    della terra preghiera?

    Non son forse parole
    gl’inesplicati odori
    dei felici tuoi fiori?
    Raggiante in bel sereno
    il cielo ampio le accoglie;

    certo la terra adora,
    sente la terra amore;
    il palpito immortale
    io sento del suo cuore.

    L.Pirandello da L’Aquilone “Antologia Italiana per la Scuola Media” Società Editrice Internazionale 1959

    "Mi piace"

Rispondi a simonarinaldiker Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.