Paolo, tu sei … di A.B. , 29 marzo 2020

Paolo, tu sei la somma di tutti i tuoi libri,

le tue Musiche

le tue immagini,

ma la necessita’ che tu senti di capire per te e per la societa’, di andare nel futuro con conoscenza, con consapevolezza, ti spingono a cercare altre fonti da leggere e analizzare.

Per questo i libri, le musiche le immagini non ti bastano mai, come non ti bastano mai i semi, le piantine, gli alberi che curi con tutta la tua emotivita’ come curi i gatti fragili e godi nel vederli crescere e arricchire la tua, la vostra vita!

Ciao! Alla prossima!

Sergio Bonelli Editore presenta UN BONELLI AL GIORNO.  Sul sito della Casa editrice quattordici FUMETTI OMAGGIO,  in formato PDF, uno al giorno per due settimane dal 23 marzo 2020

Per scaricare i fumetti di “Un Bonelli al Giorno”

https://www.sergiobonelli.it/

Sergio Bonelli Editore presenta

UN BONELLI AL GIORNO 

Sul sito della Casa editrice quattordici FUMETTI OMAGGIO,  in formato PDF, uno al giorno per due settimane

Primo appuntamento con Tex Classic n. 1, scaricabile gratis lunedì 23 marzo

Sergio Bonelli Editore, nell’ambito del progetto #ACasaConBonelli, ha pensato di proporre una nuova iniziativa dedicata a tutti i suoi lettori. Grazie a “UN BONELLI AL GIORNO”, ogni mattina alle ore 10, visitando il sito della Casa editrice, i lettori troveranno un fumetto in formato PDF scaricabile GRATUITAMENTE.

La partenza di questa nuova avventura è fissata per lunedì 23 marzo alle ore 10 con Tex Classic n. 1. L’appuntamento si rinnoverà ogni giorno alla stessa ora per 14 giorni, permettendo ai lettori di immergersi nelle atmosfere dei grandi eroi Bonelli: il Far West di Tex, la Londra di Dylan Dog, la foresta di Darkwood di Zagor, l’Amazzonia di Mister No, lo spazio di Nathan Never, i mille mondi di Martin Mystère, gli intrighi della Garden City di Julia, la misteriosa Napoli del Commissario Ricciardi… Ogni fumetto sarà disponibile sul sito della Casa editrice per 24 ore dal momento del suo rilascio. 

Spiega il Direttore Editoriale Michele Masiero: “Sono giornate difficili per tutti noi e sappiamo che questo è solo un piccolo gesto. Vogliamo però continuare a essere vicini ai nostri lettori: riusciamo nell’impresa grazie al lavoro eccezionale delle edicole e degli edicolanti, che ringraziamo veramente tantissimo, per tutto quello che fanno da sempre e per come si stanno prodigando ulteriormente nelle ultime settimane. Pensiamo, però, di fare cosa gradita ai nostri lettori e – perché no? – a chi vorrà avvicinarsi al mondo delle nuvole parlanti offrendo un nuovo appuntamento quotidiano: un fumetto ogni mattina, per far sentire la nostra presenza e quella dei nostri personaggi anche all’interno delle loro case. In attesa di rincontrarci dal vivo, non appena sarà di nuovo possibile”. 

Calendario delle PUBBLICAZIONI OMAGGIO

 

23-mar Tex Classic 1 “Il totem misterioso”
24-mar Zagor Classic 1 “La foresta degli agguati”
25-mar Mister No 1 “Mister No”
26-mar Martin Mystère 1 “Gli Uomini in Nero”
27-mar Dylan Dog 1 “L’alba dei morti viventi”
28-mar Nathan Never 1 “Agente Speciale Alfa”
29-mar Julia 1 “Gli occhi dell’abisso”
30-mar Cassidy 1 “L’ultimo blues”
31-mar Dampyr 1 “Il figlio del diavolo”
01-apr Morgan Lost 1 “L’uomo dell’ultima notte”
02-apr Orfani 1 “Piccoli spaventati guerrieri”
03-apr Dragonero 1 “Il sangue del drago”
04-apr Il Commissario Ricciardi “Dieci centesimi”
05-apr Le Storie 1 “Il boia di Parigi”

 

Per scaricare i fumetti di “Un Bonelli al Giorno”

https://www.sergiobonelli.it/

Vittorio Gregotti (1927-2020)

MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

Architetto. Designer. In Italia fra i più importanti della sua generazione. «Oggi ha successo soltanto lo showman: l’artista è diventato più importante delle cose che fa e le opere si sono trasformate in eventi. Gli architetti oggi in Europa sono società di servizi che passano attraverso l’arte per avere successo» [Catalogo dei viventi 2009, Marsilio 2008].
Laureato nel 1952 al Politecnico di Milano, esordì con opere ispirate a inizio secolo: Case d’affitto (1957) ed Edificio per uffici (1960). Nel 1964 fu responsabile della sezione introduttiva per la Triennale di Milano. Nel 1966 pubblicò il libro Il territorio dell’architettura nel quale vengono esposte le sue teorie sull’architettura come modificazione dell’ambiente fisico su grande scala. Dal 1974 al 1976 è stato direttore delle arti visive e architettura della Biennale di Venezia. Sue opere più importanti: il quartiere Zen di Palermo (1969-73), gli edifici nella Lützowstrasse a Berlino (1979-82), il Centro…

View original post 282 altre parole

mi ricordo …. : Addio PEPPO SPAGNOLI, paladino del Jazz, fondatore della casa discografica Splasc (h), articolo di Alessio Brunialti, in La Provincia 6 marzo 2020

Peppo Spagnoli (2020). Fondatore nel 1982 della Splasc(h), la più importante etichetta discografica di jazz in Italia. Nato ad Arcisate, provincia di Varese, è stato a lungo consigliere comunale per il Pci e lavorò come disegnatore tessile prima di dedicarsi alla musica. Il primo album pubblicato da Splasch(h) fu Lunet, dell’European Quartet del sassofonista Gianni Basso.

Tra le sue scoperte, Paolo Fresu e Luca Flores.

vai a:

https://www.laprovinciadicomo.it/stories/cultura-e-spettacoli/addio-peppo-spagnoli-paladino-del-jazz_1343800_11/?fbclid=IwAR3ZRQL6WItw_lXT6l1m_Zox3P7s-yKzOHx8a8dIt_XSnmfJC21gdgm4V5Y

spa774

serata dedicata a LUCIO DALLA. Con ALESSIO BRUNIALTI: commenti, voce e chitarra; CECILIA CASELLA e CRISTIANO paspo STELLA: voce; ROBERTO QUADRONI: pianoforte e cori; GUIDO BERGLIAFFA: basso elettrico; MARCO PORRITIELLO: batteria. Alla Officina della Musica, Como 4 marzo 2020. Audio Video: Salvioni Brothers e Franco Silano

L’Officina non si arrende!

Nuovamente in streaming, dopo gli incredibili consensi raccolti la scorsa domenica con la jazz jam proposta dalla band di casa, vogliamo per questa seconda occasione omaggiare uno dei più grandi interpreti e autori italiani, di cui ricorrebbe il settantasettesimo compleanno.

LUCIO DALLA

Una serata condotta da Alessio Brunialti e supportata da una liveband ad hoc, un segno di riconoscenza al grande cantautore bolognese e contemporaneamente un segnale di continuità artistica e creativa in questo momento di difficoltà.

Saranno presenti:

ALESSIO BRUNIALTI, commenti, voce e chitarra
CECILIA CASELLA e CRISTIANO paspo STELLA: voce

ROBERTO QUADRONI, pianoforte e cori
GUIDO BERGLIAFFA, basso elettrico
MARCO PORRITIELLO, batteria

Supporto tecnico audio video: Salvioni Brothers e Franco Silano

E’ possibile effettuare donazioni via PayPal tramite il numero di telefono
349 280 3945, connettetevi!

#chifermeràlamusica
#nonilcoronavirus
#quellidellofficina

la STRADA REGIA: il tratto da BRUNATE a NESSO (passando per Blevio, Torno, Pognana). Il post va letto dal basso verso l’alto, come se fosse una cartina topografica

Coatesa sul Lario e dintorni

TUTTO L’ITINERARIO:

brunat neesoo1876


DA POGNANA A NESSO:

BRUNATE NESSO1889BRUNATE NESSO1888BRUNATE NESSO1887


DA TORNO A POGNANA:

BRUNATE NESSO18862020-02-26_1527132020-02-26_152736BRUNATE NESSO1885BRUNATE NESSO1884BRUNATE NESSO1883BRUNATE NESSO1882


DA BRUNATE A TORNO,

PASSANDO PER BLEVIO:

BRUNATE NESSO1881BRUNATE NESSO1880BRUNATE NESSO1879BRUNATE NESSO1878BRUNATE NESSO1877

View original post

… mi ricordo …: VIOLO Evaldo (a cura di), (io e la BUR). Scrittori, studiosi, lettori raccontano la Biblioteca Universale Rizzoli. New Press edizioni (collana Contro Mossa diretta da Andrea Di Gregorio) , Como, 2019. Indice del libro

Antologia del cuore stanco. Persone con scompenso cardiaco, familiari e medici si raccontano, a cura di: Antonietta Cappuccio e Maria Giulia Marini Edizioni effedi, 2019 – ISTUD Sanità

Vittorio Lingiardi, CUORE tenero o matto da legare?, in Il Sole 24 Ore/Domenica,16 febbraio 2020

…..

Il cuore è nelle nostre frasi di tutti i giorni: a cuor leggero, avere a cuore, col cuore in mano, un cuore di pietra, mi scalda il cuore, cuor di leone, una stretta al cuore. E nelle nostre parole: batticuore, crepacuore, rincuorare, malincuore, ma anche (dal latino cor, cordis) cordiale, ricordo, coraggio. ”

Il cuore è nei versi che amiamo, dal core che ’ntenerisce i navicanti danteschi nell’ora che volge il disio, al palpito di Szymborska che per me è il manifesto dell’intersoggettività: «Ascolta come mi batte forte il tuo cuore». Non esiste un cuore senza canzoni e non esistono canzoni senza un cuore: Mina cantava Mi sei scoppiato dentro al cuore all’improvviso, un anno dopo ballavamo al ritmo del Cuore matto di Little Tony.

Inutile dire che il muscolo cardiaco batte anche in ogni biblioteca, dal cuore più popolare d’Italia, quello di De Amicis, a volumi dottissimi come il regalo ricevuto da un amico dantista, The Medioeval Heart di Heather Webb (Yale University Press), o la magnifica anatomia culturale (Organi vitali, Adelphi) scritta dal medico messicano-americano Francisco González-Crussí. Ogni venerdì mi adagio tra i cuori gonfi di Ježek che illustrano le Questioni di cuore di Natalia Aspesi e se apro il mio cassetto delle cartoline mi battono in petto i cuori dell’arte, quelli barocchi trafitti dall’angelo e quelli gaiamente paonazzi di Keith Haring. Uno di quelli che amo di più lo porge a Gesù una Caritas di Giotto nella Cappella degli Scrovegni.

MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI

View original post

Profilo biografico di PAOLO FERRARIO, facoltà di sociologia di TRENTO – in Alumni UniTN. Data della laurea: 25 gennaio 1974

vai a

Profilo utente – Alumni UniTN

Corsi di Studio
CORSI DI STUDIO
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO
Sociologia
Corso di Laurea
Data conseguimento titolo: 25/01/1974
2020-02-21_095656
Professione
PROFESSIONE
MAPPESER.COM
ricerca e documentazione in tema di politiche sociali e servizi
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA
Docente a contratto
UNIVERSITÀ CA’ FOSCARI VENEZIA
Docente a contratto
COMUNE DI MILANO
docente alla Scuola regionale operatori sociali del Comune di Milano
IN PENSIONE (CONTRIBUTI VERSATI DAL 1969 AL 2015)
Documentazione, ricerca e consulenza in tema di POLITICHE SOCIALI E SERVIZI (Carocci editore, 2014)
ENSISS
docente alla Scuola di Servizio sociale

Riccardo Nencini, in Corriere della Sera 17 febbraio 2020:”un progetto politico che preveda l’apertura ad altri soggetti politici come Azione di Calenda o Europa di Emma Bonino”

2020-02-18_103634

 

sini567

Ricardo Nencini, Presidente del Partito Socialista Italiano:

https://it.wikipedia.org/wiki/Riccardo_Nencini

dice di Paolo l’amica S. R., 14 feb 2020

…. spiacente, non so a cosa si riferisce.

Io non sono “puddina”, sono una lettrice del caro Paolo e dei suoi blog da dieci anni.

Valuto il pensiero e le opinioni di chi stimo e soprattutto la complessità di analisi, il sapere, che emergono dal profilo di un contatto.

Mi interessano i temi filosofici e antropologici e chi esprime pluralità di sapere e non certo univocità di vedute da dottrina.

Il resto non mi riguarda e non mi interessa convincere nessuno; ognuno intraprende il proprio percorso con la coscienza critica che ritiene.

AUTOCRITICA. Ho avuto troppa fretta ad iscrivermi ad Italia Viva …, Paolo Ferrario , Como 13 febbraio 2020

AUTOCRITICA. Ho avuto troppa fretta ad iscrivermi ad Italia Viva (19 ottobre 2019).

L’ho fatto anche per il maltrattamento che è stato praticato con sadismo interpersonale su Matteo Renzi dall’interno del PD fra il 2014 e il 2019.

Tuttavia NON SONO D’ACCORDO, OGGI, SUL MASSACRO CHE ITALIA VIVA STA FACENDO SULL’UNICO ACCORDO DI GOVERNO POSSIBILE.

La situazione storica che stiamo vivendo mi ricorda tanto gli anni della “Repubblica di Weimar” in Germania che portò all’hitlerismo nazista (salvini minuscolo E’ un nuovo hitler del secondo ventennio del duemila).
Il mio voto è di nuovo in libertà: e voterò per il partito che più insegue il “principio di responsabilità”, che è quello di fare compromessi storici di coalizione.

Mi sono identificato fin dal 1973 nelle politiche di “compromesso storico”. E ancora in quelle mi riconosco. E non nella conflittualità identitaria su cui si sta pericolosamente inclinando Italia Viva di Renzi.

Paolo Ferrario , Como 13 febbraio 2020


risposta ad alcuni commenti:

la tua nozione di “compromesso storico” non è la mia. Io sono nato “berlingueriano” in politica. Allora l’unica possibilità era mettere assieme DC e PCI: e in base al “principio di responsabiltà” lo fecero. e quello era il tempo del terrorismo di destra e di sinistra. le tue parole (tipiche delle psicologie identitarie ) sono del tutto estranee alla mia psicologia che è “constatativa”: oggi è necessario questo compromesso, perchè la situazione è hitleriana. E italia viva si sta comportando da irresponsabile. Ero a un bivio. Ora sono lontano sia dalla strada del PD , sia da quella di Italia Viva. Ho e avrò un solo strumento nelle mie mani (oltre ai miei blog): una scheda elettorale. e il mio voto andrà solo a chi si è comportato con spirito di responsabilità.

aggiungo: la discussione, per quanto mi riguarda, FINISCE QUI. Ho informato solo su un passaggio della mia lettura della situazione politica e non intendo dire altro. Se non continuare ad informare con i miei strumenti analitici e al momento del voto (che non spero prossimo, visto che a vincere saranno due “assassini interiori”: salvini minuscolo e meloni minuscola) decidere dove mettere la X sulla scheda

Il “principio di responsabilita” è una regola fondamentale, per me, nell’agire politico. E purtroppo devo constatare che non è messo in atto da Italia Viva. E così devo , anche qui, constatare che avevo sbagliato nel sostenere questo micro-partito. Comunque termina oggi la mia appartenenza ai partiti che sono in campo. Mi resta solo il diritto di voto: la X che metterò, con attenta valutazione, nelle urne che forse si apriranno in autunno. Nel pieno della pandemia del coronavirus! a conferma della irresponsabilità. Ciao e grazie per le tue parole, caro ***

aggiungo: la discussione, per quanto mi riguarda, FINISCE QUI. Ho informato solo su un passaggio della mia lettura della situazione politica e non intendo dire altro. Se non continuare ad informare con i miei strumenti analitici e al momento del voto (che non spero prossimo, visto che a vincere saranno due “assassini interiori”: salvini minuscolo e meloni minuscola) decidere dove mettere la X sulla scheda

grazie per le tue opinioni. credo di avere chiarito la mia attuale posizione. il mio percorso politico è condensato in queste tracce di memoria biografica e ci sono stati vari passaggi nei quali, purtroppo, ho dovuto ridefinire la mia collocazione politica. il “principio di responsabilità” e il “compromesso” sono due linee guida. Ovvio che i contesti geopolitici mutano. Ma la situazione storica del momento chiederebbe  strategie collaborative e non conflittuali. la storia della repubblica di Weimar (di cui ho parlato spesso nei miei post e su libri usciti proprio in quest mesi) è lì ad insegnare. Far cadere (o anche solo rendere fragile) il governo è una scelta terribile ed irresponsabile. saluti e grazie ancora per l’attenzione

TI RINGRAZIO PER IL TUO RACCONTO BIOGRAFICO. il contesto che stiamo vivendo è pre nazista (salvini è sostanzialmente un hitler del secondo ventennio del 2000). e far barcollare o addirittura far cadere questo governo di compromesso è storicamente irresponsabile. queste sono le mie motivazioni per il ritiro dalla iscrizione a italia viva. ieri ho terminato il mio essere un “simpatizzante/militante”. ho solo il diritto di voto e lo spenderò, spero non a primavera od autunno) per provare a limitare il nazifascismo salviniano e meloniano. ho provato chiarire la mie posizione e valutazione nel post che ho pubblicato sul blog. evidentemente non ci sono riuscito. la mia “militanza politica è lunga (iniziata nel 1973) . e di delusioni ne ho avuta molte e raccontate per frammenti nella mia “autobiografia politica” . ora resto lontano, come su una riva. lontano dal PD , inquinato da odiatori che hanno distrutto il governo 2014/2016. Ma lontano anche da italia viva, che non comprende la pericolosità di questo tempo storico. grazie ancora per la tua attenzione

cara ***, a me sembra che siamo in una situazione STORICA molto difficile. Lo scenario è la vittoria di due partiti di matrice culturale fascinazista (pensa che le meloni vorrebbe ABOLIRE I TRIBUNALI DEI MINORI, nel nome della tutela delle famiglie !!!) in una tale situazione l’unica via è trovare punti di mediazione con i grillini (anche se li detesto) e tenere in piedi il governo. zingaretti si è assunto questa responsabilità. il mio punto di vista è che servono dei COMPROMESSI POLITICI in tale quadro inquietante . e per questo motivo non credo che giovi al sistema politico italiano mostrare continuamente la debolezza della coalizione che si oppone alla deriva fascinazista (so che il contesto geopolitico è diverso: uso questa denominazione per capire il QUADRO entro cui ci muoviamo) per tutte queste ragioni non posso condividere le spallate d italia viva. altra cosa sarebbe se itala viva fosse capace di creare una forza di CENTRO capace di condizionare l’alleanza di centrosinistra.E la strategia identitaria non giova neppure in questa operazione. è per questo che ho preso le distanze. la mia è una decisione del tutto PERSONALE. per me finisce in questo giorni il ruolo di simpatizzante/iscritto e mi assumo solo quello di elettore. quello che conterà, per me, è la X che metterò nell’urna. spero solo che l’offerta politica del centrosinistra offra le necessarie opportunità. e, a questo punto, spero anche molto nella offerta del partito (partitino) di Calenda. MI rendo conto di non sapere rispondere ai TUOI interrogativi. Ho solo provato ad offrirti il mio soggettivissimo PUNTO DI VISTA. grazie per la tua fiducia e stima. e speriamo che prevalga il BUON SENSO e il PRINCIPIO DI RESPONSABILITA’ . ciao e buoni giorni

Ho aderito a IV anche se non mi sono ancora iscritta per poter creare una forza di centro riformista….speriamo ma sono molto pessimista. Buona giornata.
risposta di Paolo
io, nonostante gli eventi di questi giorni, continuo a sperare. mi fa molto piacere che anche tu pensi che senza un “partito di centro” il centrosinistra rischia di non avere futuro. ciao e grazie

LEWIS CAPALBI, Divinely Uninspired to a Hellish Extent, Cd

sito di LEWIS CAPALBI

https://home.lewiscapaldi.com/

canale su Youtube

https://www.youtube.com/channel/UCveFkLdSOUsGwMJEgedO9dQ


debut album by Scottish singer-songwriter Lewis Capaldi. It released on 17 May 2019 through Vertigo Records in Europe and Capitol Records in the United States, and distributed globally by Universal Music.

vai alla scheda :

https://it.wikipedia.org/wiki/Divinely_Uninspired_to_a_Hellish_Extent

capalbi436

2020-02-07_154828

 

Musica e cultura: La prima serata della 70esima edizione del Festival di Sanremo ha fatto registrare oltre dieci milioni di spettatori, con una media del 52,2% di share, 6 feb 2020

La prima serata della 70esima edizione del Festival di Sanremo ha fatto registrare oltre dieci milioni di spettatori, con una media del 52,2% di share.

Un risultato che migliora quello dello scorso anno, quando la prima serata del Baglioni bis aveva fatto segnare una media del 49,5% di share con 10 milioni 86 mila telespettatori.

Quella registrata martedì è la media più alta per la prima serata dal 2005, quando il Festival condotto da Paolo Bonolis raggiunse il 54,1%