11 settembre 2001 – 11 settembre 2021. Oriana Fallaci: «Non capite o non volete capire che qui è in atto una guerra di religione. Voluta e dichiarata da una frangia di quella religione, forse, comunque una guerra di religione. Una guerra che essi chiamano Jihad- in Corriere della Sera, La rabbia e l’orgoglio, 29/09/2001

Mappeser.com: mappe nel sistema dei servizi

Ero a New York, perbacco, in un meraviglioso mattino di settembre, anno 2001. (…) Ho acceso la Tv. Bè, l’ audio non funzionava. Lo schermo, sì. E su ogni canale, qui di canali ve ne sono quasi cento, vedevi una torre del World Trade Center che bruciava come un gigantesco fiammifero. Un corto circuito? Un piccolo aereo sbadato? Oppure un atto di terrorismo mirato? Quasi paralizzata son rimasta a fissarla e mentre la fissavo, mentre mi ponevo quelle tre domande, sullo schermo è apparso un aereo. Bianco, grosso. Un aereo di linea. Volava bassissimo. Volando bassissimo si dirigeva verso la seconda torre come un bombardiere che punta sull’obiettivo, si getta sull’obiettivo. Sicché ho capito. (…) Ero un pezzo di ghiaccio. Anche il mio cervello era ghiaccio. Non ricordo nemmeno se certe cose le ho viste sulla prima torre o sulla seconda. La gente che per non morire bruciata viva si…

View original post 316 altre parole

” È un Paese così diviso, l’Italia. Così fazioso, così avvelenato dalle sue meschinerie tribali! …”, Oriana Fallaci, in La Rabbia e l’Orgoglio

"È un Paese così diviso, l’Italia. Così fazioso, così avvelenato dalle sue meschinerie tribali! Si odiano anche all’interno dei partiti, in Italia. Non riescono a stare insieme nemmeno quando hanno lo stesso emblema, lo stesso distintivo. Gelosi, biliosi, vanitosi, piccini, non pensano che ai propri interessi personali. Non si preoccupano che per la propria carrieruccia, … Leggi tutto ” È un Paese così diviso, l’Italia. Così fazioso, così avvelenato dalle sue meschinerie tribali! …”, Oriana Fallaci, in La Rabbia e l’Orgoglio

tipi di PARTECIPAZIONE POLITICA per intensità di impegno

tipi di PARTECIPAZIONE POLITICA per intensità di impegno: - il SIMPATIZZANTE - l'ELETTORE - l'ISCRITTO al partito - il MILITANTE di partito - il DIRIGENTE - l'ELETTO nelle istituzioni Per favorire il rapporto con i primi due (simpatizzanti ed elettori) occorrerebbe un impegno attivo e intelligente degli ultimi tre (militanti; dirigenti; eletti) Come? Ad esempio … Leggi tutto tipi di PARTECIPAZIONE POLITICA per intensità di impegno

Maroon 5 – Memories

Memories Maroon 5 Here's to the ones that we got Cheers to the wish you were here, but you're not 'Cause the drinks bring back all the memories Of everything we've been through Toast to the ones here today Toast to the ones that we lost on the way 'Cause the drinks bring back all … Leggi tutto Maroon 5 – Memories

l'”ASSASSINIO DI PERSONALITA'”: “CHARACTER ASSASSINATION” | The Art of Defamation Througout the Ages (arte della diffamazione nel corso dei secoli)

Mappeser.com: mappe nel sistema dei servizi

“L’assassinio di personaggi è un processo deliberato e sostenuto che mira a distruggere la credibilità e la reputazione di una persona, istituzione, gruppo sociale o nazione.

L’assassinio di personaggi è un danno deliberato della reputazione di un individuo.

Le vittime più importanti dell’assassinio di personaggi sono leader politici, funzionari, celebrità, scienziati, atleti e altri personaggi pubblici. I “personaggi assassini” prendono di mira vite private, comportamenti, valori e identità di altre persone. I loro dettagli biografici sono alterati o fabbricati.

Le caratteristiche intime diventano pubbliche. I risultati sono messi in discussione. Le buone intenzioni sono messe in dubbio. Usando esagerazioni, scherno, accuse, bugie, insinuazioni e calunnie, gli aggressori cercano di ferire le loro vittime moralmente ed emotivamente agli occhi dell’opinione pubblica.

Agenti di omicidi di carattere impiegano un misto di metodi aperti e segreti per raggiungere i loro obiettivi, come sollevare false accuse, seminare e alimentare voci e manipolare informazioni

“La…

View original post 1.028 altre parole

Mostra fotografica dell’ex Sindaco di Como ANTONIO SPALLINO e inaugurazione dell’archivio sulla sua attività, venerdì e sabato 21-22 giugno 2019. Articolo di Stefano Ferrari in La Provincia 7 giugno 2019 e di Alessio Brunialti in La Provincia del 20 giugno 2019. La mostra sarà liberamente visitabile dalle ore 15:00 fino alle 18:30 di venerdì 21 giugno e dalle 10:00 alle 12:30 di sabato 22 giugno

Coatesa sul Lario e dintorni

2019-06-19_173146SPALL1799SPALL1800

spa1871spa1872


MOSTRA FOTOGRAFICA E PRESENTAZIONE ARCHIVIO ANTONIO SPALLINO

21/22 giugno 2019

Antonio Spallino

Dopo un anno di lavoro, nella mattinata di venerdì 21 giugno presenteremo alla stampa l’archivio “Antonio Spallino.

Contenendo l’archivio anche numerose immagini, con Enzo Pifferi abbiamo colto l’occasione per organizzare una mostra fotografica che ne ripercorre il sentiero di vita, mentre in salone sarà proiettato un video di circa 200 immagini digitalizzate.

La mostra sarà liberamente visitabile dalle ore 15:00 fino alle 18:30 di venerdì 21 giugno e dalle 10:00 alle 12:30 di sabato 22 giugno.

Risorse:

View original post

Antonio Spallino 1925-2018) è stato ed E’ un grande

  Stile è riuscire a portare bene un peso assegnato. Significa reggere tale peso tentando di utilizzare in maniera concentrata tutte le energie disponibili, anche e soprattutto quelle minime. Stile è quell’obbligo morale che dovremmo imporci per essere all’altezza delle situazioni e delle attese. Stile è la capacità di comprendere e agire con equilibrio, adattando … Leggi tutto Antonio Spallino 1925-2018) è stato ed E’ un grande

Giorgio Cavalleri mi suggerisce la lettura di: Pietro Brignoli, Santa messa per i miei fucilati. Le spietate rappresaglie italiane contro i partigiani in Croazia dal diario di un cappellano, Longanesi, 1973

Durante la visita che ci hanno fatto Giorgio ed Elisabetta Cavalleri, colgo l'occasione per parlare con lui del libro BELLA CIAO, controstoria della resistenza di Giampaolo Pansa (Rizzoli, 2014). Di quest'ultimo libro mi è rimasta impresso in particolare la doppiezza dei comunisti di allora: da una parte persone indubbiamente coraggiose che hanno combattuto con tenacia … Leggi tutto Giorgio Cavalleri mi suggerisce la lettura di: Pietro Brignoli, Santa messa per i miei fucilati. Le spietate rappresaglie italiane contro i partigiani in Croazia dal diario di un cappellano, Longanesi, 1973

umore di giornata, di mese, di anno, di tempo: “il potere del più buoni” di Giorgio Gaber

La mia vita di ogni giorno è preoccuparmi di ciò che ho intorno sono sensibile ed umano probabilmente sono il più buono ho dentro il cuore un affetto vero per i bambini del mondo intero ogni tragedia nazionale è il mio terreno naturale perché dovunque c'è sofferenza sento la voce della mia coscienza. Penso ad … Leggi tutto umore di giornata, di mese, di anno, di tempo: “il potere del più buoni” di Giorgio Gaber

Addio al professor Angelo Spallino. Si è spento a 85 anni | Coatesa sul Lario e dintorni

COMO CRONACA CONFERENZA STAMPA FONDAZIONE PROVINCIALE COMUNITA' COMASCA ANGELO SPALLINO COMO Un pomeriggio di tanti anni fa, forse 30 o forse 31, un uomo alto, austero, la testa un po' china, stava per imboccare il viale dell'ospedale psichiatrico San Martino. Era il professor Angelo Spallino, notissimo primario oculista di Villa Aprica, prestigioso studio in Piazza Cavour, … Leggi tutto Addio al professor Angelo Spallino. Si è spento a 85 anni | Coatesa sul Lario e dintorni

il mio bilancio fallimentare sulla riforma sanitaria del 1978. tema cui ho dedicato tutta la mia vita professionale | Coatesa sul Lario e dintorni

il mio bilancio fallimentare sulla riforma sanitaria del 1978. tema cui ho dedicato tutta la mia vita professionale. tante aspettative, progetti, tensioni, voglia di creare welfare e oggi il sistema si è ridotto ad una nomina burocratica (dentro il clientelismo delle lobby di comunione e liberazione e compagnia delle opere) per cui arriva un manager … Leggi tutto il mio bilancio fallimentare sulla riforma sanitaria del 1978. tema cui ho dedicato tutta la mia vita professionale | Coatesa sul Lario e dintorni

Luca Ricolfi, La sinistra e la paura di cambiare – LASTAMPA.it

[...]Da che cosa deriva la mancanza di idee del Pd ?Un po’ deriva, ovviamente, dalla cultura politica della sinistra, che spesso confonde gli slogan con le idee. Parole d’ordine come inclusione, solidarietà, integrazione, difesa dei deboli, non sono idee politicamente efficaci finché non si è capaci di tradurle in obiettivi chiari, convincenti, raggiungibili. Ma la … Leggi tutto Luca Ricolfi, La sinistra e la paura di cambiare – LASTAMPA.it

Federico Orlando, "cercare un possibile terreno d’incontro tra Pd e Lega"

tra gli aspetti non negativi della recente campagna elettorale, c’è l’impegno dei giornali a ricercare le cause del trasferimento di voti sia dal Pdl che dal Pd verso la Lega. [...] ci sono due fatti reali di cui le analisi dovrebbero tener conto: 1) il trasferimento dalla sinistra alla Lega di una parte crescente dell’elettorato … Leggi tutto Federico Orlando, "cercare un possibile terreno d’incontro tra Pd e Lega"

Mario Calabresi, Le emozioni, la ragione e la realtà – LASTAMPA.it

La distanza tra la parte razionale e quella emotiva del cervello certi giorni appare immensa e insormontabile. Soprattutto se una parte dei cittadini, dei giornalisti e dei politici usa soltanto la prima e una parte consistente degli elettori invece va alle urne guidata dalla seconda.Ieri mattina le analisi del voto e del successo della Lega, … Leggi tutto Mario Calabresi, Le emozioni, la ragione e la realtà – LASTAMPA.it

Stefano Folli, Il Carroccio apre la strada al premier – Il Sole 24 ORE

Dopo due anni di legislatura e con una crisi economica molto seria tra le mani, nessuno si sarebbe meravigliato se Silvio Berlusconi avesse perso le elezioni regionali. Altrove in Europa accade così. Ne sa qualcosa il francese Nicolas Sarkozy che in un passaggio elettorale analogo, pochi giorni fa, è rimasto schiacciato sotto l'astensionismo e ha … Leggi tutto Stefano Folli, Il Carroccio apre la strada al premier – Il Sole 24 ORE

Regione LOMBARDIA Elezioni Regionali del 28 – 29 marzo 2010 – Risultati elettorali – Ministero dell'Interno

Candidati presidente e liste Voti  %  Seggi Voti  %  Seggi FORMIGONI ROBERTO PER LA LOMBARDIA 2.665.874 56,13 IL POPOLO DELLA LIBERTA' 1.324.855 31,74 LEGA NORD 1.097.986 26,30 LA DESTRA 6.756 0,16 Totale 2.429.597 58,20 PENATI FILIPPO LUIGI PENATI PRESIDENTE ALTERNATIVA LOMBARDIA 1.578.685 33,24 PARTITO DEMOCRATICO 954.893 22,87 DI PIETRO ITALIA DEI VALORI 261.672 6,26 PART.PENS. 68.442 1,63 … Leggi tutto Regione LOMBARDIA Elezioni Regionali del 28 – 29 marzo 2010 – Risultati elettorali – Ministero dell'Interno

Andreotti: storia di un'epoca. Ritratto di Massimo Franco | Il Recensore.com

“Andreotti. La vita di un uomo politico, la storia di un’epoca” (Mondadori, 2010) non è solo una biografia. E’ molto, molto di più. L’autore, Massimo Franco, ci regala un volume davvero appassionante. E che, in maniera superlativa, ripercorre novant’anni di vita italiana attraverso le vicende di un uomo, “l’uomo enigma per antonomasia” che “può eclissarsi … Leggi tutto Andreotti: storia di un'epoca. Ritratto di Massimo Franco | Il Recensore.com

Romania, l'horror estremo: tremendo episodio della storia novecentesca Dario Fertilio dedica il suo nuovo libro, Musica per lupi (Marsilio, pp. 172, € 15)

[..]proprio qui, a Pitesti, sorgeva un tempo un carcere speciale per la «rieducazione» dei prigionieri politici, nel quale, tra il 1949 e il 1952, furono commesse atrocità tali da costringere persino il non tenero regime di allora a intervenire per porvi un termine, punendone i responsabili. Non atrocità isolate; piuttosto, un organico e coerente sistema … Leggi tutto Romania, l'horror estremo: tremendo episodio della storia novecentesca Dario Fertilio dedica il suo nuovo libro, Musica per lupi (Marsilio, pp. 172, € 15)

Ricordo di Ezio Tarantelli

Venticinque anni fa le brigate rosse, i nipotini della cultura eversiva della sinistra comunista, assassinavano Ezio Tarantelli."Il professor Tarantelli è ucciso da un commando di terroristi mentre sale sulla sua auto davanti all’Università al termine della sua lezione. Il gruppo lascia la rivendicazione sotto il tergicristalli dell’auto: è a firma delle Brigate Rosse e Tarantelli … Leggi tutto Ricordo di Ezio Tarantelli

Alejandro Torreguitart Ruiz, “Il canto di Natale di Fidel Castro”, Il Foglio, Piombino 2010. Traduzione di Gordiano Lupi. Illustrazioni di Elena Migliorini. Copertina di Marco Zorzan, | Lankelot

“Il canto di Natale di Fidel Castro” è un omaggio a Dickens, e un omaggio a tutti quei cittadini, quei combattenti e quegli intellettuali, cubani e occidentali, che hanno dedicato la loro vita, o almeno parte della loro vita, a demistificare la propaganda della “Fantasia Roja” per eccellenza: l'infame, omicida e liberticida regime comunista cubano. … Leggi tutto Alejandro Torreguitart Ruiz, “Il canto di Natale di Fidel Castro”, Il Foglio, Piombino 2010. Traduzione di Gordiano Lupi. Illustrazioni di Elena Migliorini. Copertina di Marco Zorzan, | Lankelot

Il problema non è che in Italia ci sono più disonesti che altrove, ma che manca una rete attiva di onesti in grado di fondare un modo diverso di stare nelle istituzioni e nel paese, Antonio Gambino, anni ‘90

“Il problema non è che in Italia ci sono più disonesti che altrove, ma che manca una rete attiva di onesti in grado di fondare un modo diverso di stare nelle istituzioni e nel paese”Antonio Gambino, anni ‘90

Elezioni regionali 2010: la regola del "voto disgiunto"

L'elettore può:esprimere un voto disgiunto, cioè tracciare un segno nel rettangolo recante una delle liste provinciali ed un altro segno sul simbolo di una lista regionale, non collegata alla lista provinciale prescelta, o sul nome del suo capolista. In tal caso il voto è validamente espresso per la lista provinciale e per la lista regionale prescelte … Leggi tutto Elezioni regionali 2010: la regola del "voto disgiunto"

Francesco Agnoli, Cattocomunismi. Così è nata la pericolosa commistione tra marxismo ateo e cattolicesimo disincarnato, Il Foglio» del 18 marzo 2010

Cattocomunismi. Così è nata la pericolosa commistione tra marxismo ateo e cattolicesimo disincarnato Francesco Agnoli[...]come il comunismo abbia rappresentato nella storia il più compiuto tentativo di costruire una società senza Dio, anzi contro di Lui. Con un fallimento totale. Non si può dimenticare che proprio il mondo cattolico, che avrebbe dovuto costituire un argine all’ateismo … Leggi tutto Francesco Agnoli, Cattocomunismi. Così è nata la pericolosa commistione tra marxismo ateo e cattolicesimo disincarnato, Il Foglio» del 18 marzo 2010

Fra tre giorni ci saranno le elezioni in tredici Regioni italiane e sul mercato politico manca del tutto ed è assente dal sistema della rappresentanza un partito liberal-sociale capace di mettere assieme le libertà individuali e la responsabilità collettiva

Fra tre giorni ci saranno le elezioni in tredici Regioni italiane e sul mercato politico è del tutto assente dal sistema della rappresentanza un partito liberal-sociale capace di mettere assieme le libertà individuali e la responsabilità collettiva. Un simile partito è stato soffocato nella storia d'Italia dalla asfissia provocata dai cattolici e dai comunisti. In … Leggi tutto Fra tre giorni ci saranno le elezioni in tredici Regioni italiane e sul mercato politico manca del tutto ed è assente dal sistema della rappresentanza un partito liberal-sociale capace di mettere assieme le libertà individuali e la responsabilità collettiva

Che fine ha fatto la superiorità antropologica della sinistra?

Qualcosa è cambiato da allora, nonostante l’immutabile, sincero disprezzo di Lidia Ravera (“balle, anche uno di destra che non sia lobotomizzato se ne accorge”, è stato il suo commento al comizio di Berlusconi): i manifestanti, i simpatizzanti, gli elettori berlusconiani si sono guadagnati la dignità di essere umano, il rispetto estetico e morale da parte … Leggi tutto Che fine ha fatto la superiorità antropologica della sinistra?

Biografia: Militanza e diritto di Voto, 1970-2010

Anno Militanza politica Esercizio del diritto di Voto 1970 Elezioni  Regione Lombardia 1972 Elezioni politiche: Il Manifesto (!?!) 1974 Pci: tessera 1974 Referendum sul divorzio: NO dunque per il mantenimento della legge esistente 1975 Pci: tessera 1975 Elezioni regionali: Pci 1976 Pci: tessera 1976 Elezioni politiche: Pci 1977 Pci: tessera 1977 1978 Pci: tessera 1978 Referendum … Leggi tutto Biografia: Militanza e diritto di Voto, 1970-2010

Il fascino indiscreto della tirannia. Sul libro: Mark Lilla, Il genio avventato Dalai editore, pagg. 238, di Matteo Sacchi, Il Giornale» del 22 marzo 2010

[...] perché il genio di Essere e tempo accolse con favore l’ascesa di Hitler? Che dire di Carl Schmitt, colosso del diritto al servizio del nazismo? Cosa pensare dell’enigmatico Alexandre Kojéve, gigante hegeliano autoesiliatosi nella diplomazia francese per burocratizzare il mondo in vista di uno Stato universale in cui l’uomo, piccolo particolare, è ridotto ad … Leggi tutto Il fascino indiscreto della tirannia. Sul libro: Mark Lilla, Il genio avventato Dalai editore, pagg. 238, di Matteo Sacchi, Il Giornale» del 22 marzo 2010

Diritti violati: Se è cubano il dissidente non commuove nessuno, di Pierluigi Battista, in Corriere della Sera del 19 marzo 2010

Se è cubano il dissidente non commuove nessuno Diritti violatidi Pierluigi BattistaMancano pochi giorni, o forse poche ore, per impedire che la seconda «Primavera nera» di Cuba possa provocare tutti i suoi effetti luttuosi. Il dissidente Guillermo Fariñas versa in gravissime condizioni dopo tre settimane di sciopero della fame e della sete. Se gli aguzzini … Leggi tutto Diritti violati: Se è cubano il dissidente non commuove nessuno, di Pierluigi Battista, in Corriere della Sera del 19 marzo 2010

Sorpasso della Lega in Veneto, il Pdl è terzo – Il Sole 24 ORE

[..]la vittoria di Zaia sul candidato del centrosinistra Bortolussi non poteva essere messa in dubbio. Ma il sorpasso sì. E invece dopo queste elezioni regionali è molto probabile che il Veneto avrà un doppio primato. Sarà la prima regione italiana governata da un esponente della Lega Nord e sarà anche la prima (e presumibilmente la … Leggi tutto Sorpasso della Lega in Veneto, il Pdl è terzo – Il Sole 24 ORE

mentre ascolto tramite Radio Parlamento la cronaca della manifestazione dei partiti di opposizione contro il Governo di Destra

Sto lavorando alle mie lezioni della settimana prossima mentre ascolto tramite Radio Parlamento la cronaca della manifestazione dei partiti di opposizione contro il Governo di Destra. L'effetto è desolante Li sento parlare e li sento così lontani, galatticamente lontani, dai problemi del paese. Sono ostaggio della memoria e non hanno più radici sui problemi delle … Leggi tutto mentre ascolto tramite Radio Parlamento la cronaca della manifestazione dei partiti di opposizione contro il Governo di Destra

Li sento parlare e li sento così lontani, galatticamente lontani, dai problemi del paese. Sono ostaggio della memoria …

Sto lavorando alle mie lezioni della settimana prossima mentre ascolto tramite Radio Parlamento la cronaca della manifestazione dei partiti di opposizione contro il Governo di Destra.L'effetto è desolanteLi sento parlare e li sento così lontani, galatticamente lontani, dai problemi del paese. Sono ostaggio della memoria (che non è del tutto gloriosa)  e non hanno più … Leggi tutto Li sento parlare e li sento così lontani, galatticamente lontani, dai problemi del paese. Sono ostaggio della memoria …

Francesco Cundari, Comunisti immaginari, vALLECCHI 2009

[...]  Un dizionario, Comunisti immaginari (Vallecchi, pagine 354, € 16), meglio un prontuario, che per singole voci racconta le tappe significative e i momenti cruciali del più grande partito comunista d’Occidente, che però mai salì al potere. E chissà come sarebbe andata altrimenti.Certo, è presente tutto l’impasto della complessa concettosità del sinistrese: dal collateralismo alle … Leggi tutto Francesco Cundari, Comunisti immaginari, vALLECCHI 2009

Ultimo sondaggio, 4 Regioni in bilico – ItaliaFutura.it

Corriere della Sera, 12 marzo 2010, di Renato MannheimerTre Regioni sicure per il centrodestra (Lombardia, Veneto e Calabria), sei per il centrosinistra (Emilia Romagna, Toscana, Marche, Umbria, Puglia e Basilicata), quattro incerte (Piemonte, Liguria, Lazio e Campania). Sono i risultati dell'ultimo sondaggio, prima che cali il blackout imposto dalla legge elettorale. Ma il 19% dei … Leggi tutto Ultimo sondaggio, 4 Regioni in bilico – ItaliaFutura.it