La “profezia” di Filippo Turati (Canzo, 26 novembre 1857 – Parigi, 29 marzo 1932) al Congresso di Livorno del 1921, citazione ripresa da Wikipedia

« Ciò che ci distingue non è la generale ideologia socialista - la questione del fine e neppure quella dei grandi mezzi (lotta di classe, conquista del potere ecc.) - ma è la valutazione della maturità della situazione e lo apprezzamento del valore di alcuni mezzi episodici. Primo fra questi la violenza, che per noi non … Leggi tutto La “profezia” di Filippo Turati (Canzo, 26 novembre 1857 – Parigi, 29 marzo 1932) al Congresso di Livorno del 1921, citazione ripresa da Wikipedia

LE DUE PIAZZE di sabato 28 marzo e come anticipava Giorgio Gaber con DESTRA/SINISTRA

AUDIO DI : Giorgio Gaber Destra – Sinistra Tutti noi ce la prendiamo con la storia ma io dico che la colpa è nostra è evidente che la gente è poco seria quando parla di sinistra o destra. Ma cos’è la destra cos’è la sinistra… Ma cos’è la destra cos’è la sinistra… Fare il bagno nella … Leggi tutto LE DUE PIAZZE di sabato 28 marzo e come anticipava Giorgio Gaber con DESTRA/SINISTRA

Giorgio Cavalleri mi suggerisce la lettura di: Pietro Brignoli, Santa messa per i miei fucilati. Le spietate rappresaglie italiane contro i partigiani in Croazia dal diario di un cappellano, Longanesi, 1973

Durante la visita che ci hanno fatto Giorgio ed Elisabetta Cavalleri, colgo l'occasione per parlare con lui del libro BELLA CIAO, controstoria della resistenza di Giampaolo Pansa (Rizzoli, 2014). Di quest'ultimo libro mi è rimasta impresso in particolare la doppiezza dei comunisti di allora: da una parte persone indubbiamente coraggiose che hanno combattuto con tenacia … Leggi tutto Giorgio Cavalleri mi suggerisce la lettura di: Pietro Brignoli, Santa messa per i miei fucilati. Le spietate rappresaglie italiane contro i partigiani in Croazia dal diario di un cappellano, Longanesi, 1973

“MI CHIEDETE DI PARLARE”, Monica Guerritore dà la parola a Oriana Fallaci, Como, Teatro Sociale, 14 marzo 2013

In questo monologo, con grande coraggio personale e altissima capacità interpretativa, Monica Guerritore ha fatto il più grande gesto di restituzione della memoria a Oriana Fallaci: quello di far sentire la sua parola il suo modo di consegnarsi totalmente alla scrittura. Dopo che è stata vilipesa, massacrata moralmente, assassinata nella sua personalità, qui le si restituisce tutto … Leggi tutto “MI CHIEDETE DI PARLARE”, Monica Guerritore dà la parola a Oriana Fallaci, Como, Teatro Sociale, 14 marzo 2013

lettera notturna a C sul dopo elezioni politiche 2013

ciao c grazie per la segnalazione di Massimo Cacciari su la 7 ma sai come la penso sia sul mio voto alle elezioni 2013 che per la valutazione successiva al voto io sono favorevole a governi di unità nazionali (che in questa fase storica sono di EMERGENZA) per cui , questa volta sono in dissenso … Leggi tutto lettera notturna a C sul dopo elezioni politiche 2013

Paolo Ferrario, Annotazione sul risultato delle ELEZIONI POLITICHE 24 /25 febbraio 2013 | Tracce e Sentieri.

In precedenza avevo QUI  motivato il mio voto alle elezioni politiche 2013, argomentando su questi punti: 1. necessità per la crisi italiana dentro la vecchia ed esausta Europa di una GRANDE COALIZIONE di lunga durata 2. sostegno con il voto alla offerta politica centrale e autenticamente riformista delle Liste Monti Non ho “errato” nel dare questo voto. Lo rifarei. … Leggi tutto Paolo Ferrario, Annotazione sul risultato delle ELEZIONI POLITICHE 24 /25 febbraio 2013 | Tracce e Sentieri.

Paolo Ferrario, Annotazione sul risultato delle ELEZIONI POLITICHE 24 /25 febbraio 2013

In precedenza avevo QUI  motivato il mio voto alle elezioni politiche 2013, argomentando su questi punti: 1. necessità per la crisi italiana dentro la vecchia ed esausta Europa di una GRANDE COALIZIONE di lunga durata 2. sostegno con il voto alla offerta politica centrale e autenticamente riformista delle Liste Monti Non ho “errato” nel dare questo voto. Lo rifarei. … Leggi tutto Paolo Ferrario, Annotazione sul risultato delle ELEZIONI POLITICHE 24 /25 febbraio 2013

Paolo Ferrario, ELEZIONI POLITICHE 24 /25 febbraio 2013: le ragioni del mio voto alle liste Monti

Qui le Annotazione sul risultato delle ELEZIONI POLITICHE 24 /25 febbraio 2013 | Passato e Presente “anche laddove tu non riesca a definire un senso, puoi cercare di agire come se in quel momento ne andasse della tua vita nella sua interezza. Noi siamo chiamati comunque a decidere, a risolverci. L’interrogarci è una risoluzione“, Massimo Cacciari DICHIARAZIONE … Leggi tutto Paolo Ferrario, ELEZIONI POLITICHE 24 /25 febbraio 2013: le ragioni del mio voto alle liste Monti

Paolo Ferrario, ELEZIONI POLITICHE 24 /25 febbraio 2013: le ragioni del mio voto alle liste Monti

“anche laddove tu non riesca a definire un senso, puoi cercare di agire come se in quel momento ne andasse della tua vita nella sua interezza. Noi siamo chiamati comunque a decidere, a risolverci. L’interrogarci è una risoluzione“, Massimo Cacciari DICHIARAZIONE DI PROPENSIONE AL VOTO Nella Polis siamo destinati ad oscillare fra l’errore e la possibilità. … Leggi tutto Paolo Ferrario, ELEZIONI POLITICHE 24 /25 febbraio 2013: le ragioni del mio voto alle liste Monti

Il mio voto alle elezioni regionali in Lombardia: Lista Monti, e cioè MOVIMENTO LOMBARDIA CIVICA

“anche laddove tu non riesca a definire un senso, puoi cercare di agire come se in quel momento ne andasse della tua vita nella sua interezza. Noi siamo chiamati comunque a decidere, a risolverci. L’interrogarci è una risoluzione“, Massimo Cacciari Fino a cinque minuti fa ero per il VOTO DISGIUNTO alle elezioni regionali in Lombardia: voto alla lista Monti … Leggi tutto Il mio voto alle elezioni regionali in Lombardia: Lista Monti, e cioè MOVIMENTO LOMBARDIA CIVICA

C’è ‘OFFERTA POLITICA che cercavo. Una testa un voto (non più di “appartenenza”, ma di “scelta”), 2012

C’è ‘OFFERTA POLITICA che cercavo. Una testa un voto (non più di “appartenenza”, ma di “scelta”): la X sulla scheda del Senato andrà  alla formazione politica che si costituisce a sostegno del memorandum Cambiare l’Italia, riformare l’Europa, della quale sarà capolista PIETRO ICHINO, cui va la mia ammirazione per la sua coerenza e coraggio. Paolo Ferrario, Como 24 dicembre 2012 … Leggi tutto C’è ‘OFFERTA POLITICA che cercavo. Una testa un voto (non più di “appartenenza”, ma di “scelta”), 2012

ROMANZO DI UNA STRAGE, di Marco Tullio Giordana, 2012

... Romanzo di una strage aderisce in maniera piuttosto fedele alle verità processuali e lascia aperti tutti gli interrogativi che sono rimasti senza risposta. Tanto per citare un caso, quando Pinelli muore, sfracellandosi nel cortile della questura, l'obiettivo segue il commissario Calabresi, che in quel momento è fuori dalla stanza dell'interrogatorio: un modo per far vedere senza … Leggi tutto ROMANZO DI UNA STRAGE, di Marco Tullio Giordana, 2012

Gramsci e Turati e il tarlo del massimalismo, di Alessandro Orsini

vai a: il tarlo del massimalismo di Alessandro Orsini Gramsci e Turati vissero nello stesso contesto ma ebbero modi di pensare, di agire e di sentire opposti, come i modelli pedagogici in cui credevano. Due modi di essere di sinistra in irriducibile contrasto ... Si presti attenzione a queste parole di Gramsci, che non erano rivolte ai … Leggi tutto Gramsci e Turati e il tarlo del massimalismo, di Alessandro Orsini

Giampaolo Pansa: ritratto di Giorgio Napolitano, 2012

Napolitano era uno dei personaggi delle mie vecchie cronache sul Pci, al tempo della Prima repubblica. In quell'epoca nutrivo per lui un timore reverenziale. L'uomo era notevole, dotato di grande cultura, di una forte intelligenza politica e di un aplomb da lord inglese. Possedeva anche un carattere da prendere con le molle. Le voci interne … Leggi tutto Giampaolo Pansa: ritratto di Giorgio Napolitano, 2012

Miriam Mafai (1926-2012)

Laura Conti mi parlava spesso di lei. Ho un vago ricordo del loro ridere di una psicologa emiliana dei primi anni '60, che, alla domanda "ma perchè fate il sesso plurimo", rispose " .. ma è per l'angossia ..." vai a: http://www.treccani.it/enciclopedia/miriam-mafai/ Giampaolo Pansa piange la collega con cui ha tanto condivise a Repubblica e la ricorda come "un'eterna ragazza, … Leggi tutto Miriam Mafai (1926-2012)

il mio voto alle elezioni amministrative del Comune di Como: ancora sulla fine del “voto di appartenenza”

cara ... sono innanzitutto felice del tuo dire " faticosamente risalgo la china.....un millimetro al giorno..... e in questo risalire ancora una volta sei stata tu a fornirmi una informazione DECISIVA Il fatto è questo: MI PIACE E MOLTO, MOLTISSIMO IL PROGRAMMA DI PERONESE LISTA PER COMO  e il fatto che Tino Tajana sia il primo in … Leggi tutto il mio voto alle elezioni amministrative del Comune di Como: ancora sulla fine del “voto di appartenenza”

La nave Costa Concordia, ferita ed inclinata verso il precipizio, e i feroci oppositori del Governo Monti/Napolitano, di Paolo Ferrario

L’immagine della nave Costa Concordia ferita ed inclinata verso il precipizio è la perfetta e drammaticamente vera metafora dell’Italia sull’orlo del baratro. E quindi è la rappresentazione visiva delle tragiche responsabilità che si stanno assumendo Lega Nord di Maroni e Bossi, Cgil di Camusso e altri sindacati, IDV (italia dei suoi valori) di Di Pietro … Leggi tutto La nave Costa Concordia, ferita ed inclinata verso il precipizio, e i feroci oppositori del Governo Monti/Napolitano, di Paolo Ferrario

La nave Costa Concordia, ferita ed inclinata verso il precipizio, e i feroci oppositori del Governo Monti/Napolitano, di Paolo Ferrario « POLITICA DEI SERVIZI SOCIALI

L’immagine della nave Costa Concordia ferita ed inclinata verso il precipizio è la perfetta e drammaticamente vera metafora dell’Italia sull’orlo del baratro. E quindi è la rappresentazione visiva delle tragiche responsabilità che si stanno assumendo Lega Nord di Maroni e Bossi, Cgil di Camusso e altri sindacati, IDV (italia dei suoi valori) di Di Pietro … Leggi tutto La nave Costa Concordia, ferita ed inclinata verso il precipizio, e i feroci oppositori del Governo Monti/Napolitano, di Paolo Ferrario « POLITICA DEI SERVIZI SOCIALI

il sito di PIETRO INGRAO: anche i cattivi maestri, a 95 anni, vogliono stare sulla rete del web

Messo qui solo per memoria dei miei (politicamente)  inutili anni '70 e '80. Narcisismo e forza del carattere: gli stalinisti (e, più precisamente per questa singola persona, coloro che hanno creduto di non essere stalinisti)  hanno vita lunga. Come Mao, come Fidel Castro e l'infinità dei dittatori del secolo breve e delle sue propaggini ... … Leggi tutto il sito di PIETRO INGRAO: anche i cattivi maestri, a 95 anni, vogliono stare sulla rete del web

Fra autobiografia e politica: la pericolosa notte metropolitana, 11 marzo 2011

Milano - Como, 11 marzo 2011 Era una giornata lungamente attesa. Mercoledì 9 marzo ho partecipato alla "Maratona del silenzio", pensata e organizzata alla Casa della cultura di Milano da Duccio Demetrio, Nicoletta Polla-Mattiot ed Emanuela Mancino. La trasferta da Como a Milano comincia alle quindici e ventitré. Arrivo puntuale e alle diciassette sono nella … Leggi tutto Fra autobiografia e politica: la pericolosa notte metropolitana, 11 marzo 2011

Moderato conservatore

Alternativo alla sinistra massimalista, che ha fatto cadere per due volte i governi Prodi. E, dunque, alternativo a una alleanza politica del Pd con la sinistra di Vendola (che nel 1998, con Bertinotti, votò contro il primo Governo Prodi) E, naturalmente, alternativo alla destra populista del partito padronale di Berlusconi. Dunque: moderato conservatore,  con voto non … Leggi tutto Moderato conservatore

Condivisioni argomentative: il pensiero di Cavrexquis su destra e sinistra, nella quasi-crisi di governo di questi giorni

Il paternalismo della sinistra mi fa vomitare. Un paternalismo via via più forte man mano che ci si sposta di più verso sinistra. Un paternalismo che, ancora più che negli esponenti politici del (centro)sinistra, si manifesta nei sostenitori convinti di questa parte politica (e non mi riferisco tanto ai generici elettori che votano a sinistra … Leggi tutto Condivisioni argomentative: il pensiero di Cavrexquis su destra e sinistra, nella quasi-crisi di governo di questi giorni

Diario di un clima cattivo di Giampaolo Pansa Gli appunti del cronista nell’autunno-inverno 2009, in Il Riformista

un diario alla buona dell’autunno-inverno 2009. Alla fine di settembre, Tonino Di Pietro ci offre un’ennesima sceneggiata: si fa fotografare davanti a Montecitorio con la coppola in testa e le smorfie di un boss di Cosa nostra, per dire che in Parlamento ci sono troppi mafiosi. Negli stessi giorni, Eugenio Scalfari si fa intervistare dall’Espresso … Leggi tutto Diario di un clima cattivo di Giampaolo Pansa Gli appunti del cronista nell’autunno-inverno 2009, in Il Riformista

Galli Carlo: Perché ancora destra e sinistra

Alla base della dicotomia, sostiene, c’è un elemento caratteristico e costitutivo dell’epoca moderna e ancora pienamente attivo nell’attuale mondo postmoderno: ed è il “nesso fra disordine come dato e ordine come esigenza”, il riconoscimento cioè, da un lato, della naturale instabilità della natura, inclusa quella umana (pervasa di individualismo e soggettività: la liberté della Rivoluzione francese … Leggi tutto Galli Carlo: Perché ancora destra e sinistra

Walter Veltroni, "la possibile deriva del Pd e del centrosinistra verso una riedizione dell’Unione, che nel passato ha dimostrato di poter vincere ma non di governare, o la nascita di un terzo polo, arbitro del gioco politico, che impedirebbe ai cittadini di scegliere il governo del Paese…."- LASTAMPA.it

In poco più di dieci anni sono passati alla destra Francia, Germania, Inghilterra, Italia e anche i Paesi scandinavi. Nel Vecchio Continente si affermano una nuova destra populista e persino forze dichiaratamente estremiste se non esplicitamente neofasciste. Il Labour Party ha scelto tra due belle, giovani, candidature separate, al traguardo, solo da un punto percentuale … Leggi tutto Walter Veltroni, "la possibile deriva del Pd e del centrosinistra verso una riedizione dell’Unione, che nel passato ha dimostrato di poter vincere ma non di governare, o la nascita di un terzo polo, arbitro del gioco politico, che impedirebbe ai cittadini di scegliere il governo del Paese…."- LASTAMPA.it

Gianfranco Fini manganellato dai giornali di proprietà di Berlusconi per la sua scelta politica di prendere le distanze dalla destra gheddafian-berlusconiana

.... personalmente non ho nè denaro, nè barche nè ville intestate a società off shore, a differenza di altri che hanno usato, e usano, queste società per meglio tutelare i loro patrimoni familiari o aziendali e per pagare meno tasse. Ho sbagliato? Con il senno di poi mi devo rimproverare una certa ingenuità. Ma, sia … Leggi tutto Gianfranco Fini manganellato dai giornali di proprietà di Berlusconi per la sua scelta politica di prendere le distanze dalla destra gheddafian-berlusconiana

Luca Ricolfi, L'Italia immaginaria della sinistra – LASTAMPA.it

... Quel che non mi convince, invece, è l’analisi della società italiana che il documento delinea. Un’analisi che, in molti passaggi, non è diversa da quella che abbiamo sentito in tutti questi anni, o quantomeno non ne prende a sufficienza le distanze. Perché, a mio parere, il problema di fondo del Pd non è che … Leggi tutto Luca Ricolfi, L'Italia immaginaria della sinistra – LASTAMPA.it

Le pulsioni violente della estrema sinistra: Urla e fischi contro Pietro Ichino ma il pubblico della Festa lo fa parlare – Milano – Repubblica.it

Ospite della Festa Democratica di Milano, il giuslavorista Pietro Ichino è stato contestato da una trentina di giovani dei centri sociali che hanno tentato, inutilmente, con urla e provocazioni di interrompere il suo intervento. Antagonisti contro il professore Un gruppo di antagonisti, ieri sera, è arrivato nello spazio dei dibattiti a Lampugnano e quando il … Leggi tutto Le pulsioni violente della estrema sinistra: Urla e fischi contro Pietro Ichino ma il pubblico della Festa lo fa parlare – Milano – Repubblica.it

Motivi per NON VOTARE PIU' PD: "Ferrero e Diliberto? Nessun accordo siglato" Ma nel Pd è allarme

Corriere della Sera - "Ferrero e Diliberto? Nessun accordo siglato" Ma nel Pd è allarme intervista a Paolo Ferrero di rifondazione comunista: Perché ha pensato di affidare un ruolo all’ex brigatista Francesco Piccioni? “Piccioni è un amico, l’ho conosciuto dopo che è uscito di galera quando già faceva il giornalista al Manifesto. E’ uno che … Leggi tutto Motivi per NON VOTARE PIU' PD: "Ferrero e Diliberto? Nessun accordo siglato" Ma nel Pd è allarme

Carlo Galli, «La destra di Fini, conservatrice e progressista»

Oltre a lei anche Luca Ricolfi su La Stampa ha insistito sulla possibilità della nascita di una destra definita “normale”. Cosa si vuole intendere con questo aggettivo? La destra normale è conservatrice. Con una formula si direbbe “legge e ordine”, il che non vuol dire essere reazionari, ma in alcuni casi anche progressisti. Faccio un esempio: … Leggi tutto Carlo Galli, «La destra di Fini, conservatrice e progressista»

Luca Ricolfi, Non ci sono abbastanza liberali – LASTAMPA.it

Mai dire mai. Chi lo sa, potrebbe anche succedere. E se succedesse sarei il primo a rallegrarmene. Parlo della nascita, in Italia, di un «partito liberale di massa». Un partito anti-assistenziale, fiducioso nel libero mercato, determinato a modernizzare il Paese. E che, nonostante la sua vocazione a cambiare l’Italia, avesse un seguito elettorale largo. Un … Leggi tutto Luca Ricolfi, Non ci sono abbastanza liberali – LASTAMPA.it

Le due destre della politica italiana: Gianfranco Fini, Relazione di Mirabello, 5 settembre 2010

  Nella teoria delle agende politiche sono di rilievo le date periodizzanti. E’ probabile che la data del 5 settembre 2010 segni l’inizio del declino del berlusconismo, iniziato nel 1994. Se così sarà, il dato politico è che non è stata la Sinistra (che per due volte – 1998 e 2006 – ha fatto fallire la prospettiva … Leggi tutto Le due destre della politica italiana: Gianfranco Fini, Relazione di Mirabello, 5 settembre 2010

Il monastero della tortura

Dopo la rivoluzione russa molti edifici sacri furono adibiti a carceri e centri di repressione politica Una studiosa narra la storia del complesso di Santa Caterina, presso Moscadi Marta Dell'AstaPubblichiamo un brano tratto da «La dacia delle torture» di Marta Dell’Asta, articolo che compare sull’ultimo numero della rivista «La Nuova Europa», edita da Russia Cristiana … Leggi tutto Il monastero della tortura

Mao à la Française How a dictator was transformed into an emblem of 'liberation'

E' uscito un gran libro che racconta come Mao Tse-tung, uno dei più grandi carnefici della storia del genere umano, è stato trasformato in un simbolo di "liberazione" da un pugno di intellettuali francesi. I loro nomi sono noti: Jean-Paul Sartre, Michel Foucault, Philippe Sollers e Julia Kristeva. Così come si era innamorato del maoismo, … Leggi tutto Mao à la Française How a dictator was transformed into an emblem of 'liberation'

Editoriali & altro …: L’antifascismo dei voltagabbana

"I libri di Sedita e Israel sulla logica opportunista degli intellettuali lungo il ventennio: un istante prima a libro paga del regime, dopo il ’45 eccoli fare i moralisti nel Pci"Giovanni Sedita, INTELLETTUALI DI MUSSOLINI, Le Lettere, pp. 254, € 20Giorgio Israel, IL FASCISMO E LA RAZZA, Il Mulino, pp. 444, € 29Le politiche razziali … Leggi tutto Editoriali & altro …: L’antifascismo dei voltagabbana

I nipotini della sinistra massimalista e di Stalin non avendo più argomenti usano le armi e istigano all'omicidio: L'ultima pallottola delle BR "Ichino sei un assassino"

I nipotini della sinistra massimalista e di Stalin non avendo più argomenti intellettuali e intersoggettivi usano le armi e istigano all'omicidio Paolo Ferrario):"Pugni e grugni degli Anni ‘70 in un’aula di tribunale. La gabbia degli imputati a maglia fitta perfin più di allora, le dita serrate verso l’alto, gli slogan: «Ichino assassino». Mentre una Corte … Leggi tutto I nipotini della sinistra massimalista e di Stalin non avendo più argomenti usano le armi e istigano all'omicidio: L'ultima pallottola delle BR "Ichino sei un assassino"

Franco Ferrarotti, Il 68 quarant'anni dopo

Quarant'anni dopoAutore: Franco FerrarottiPrezzo: € 12,00: Il ’68 innova. Il terrorismo uccide. Ancora oggi i graffiti graffiano. Il potere che rifiuta di esercitarsi come potere viene attaccato come oppressione. Il ’68 non è legato al terrorismo. Gli è contiguo. Ha dato luogo ad una zona grigia, al “brodo sociale” in cui il terrorismo è cresciuto.Ma … Leggi tutto Franco Ferrarotti, Il 68 quarant'anni dopo

Pietro Ichino, UN PARTITO CHE SI QUALIFICA COME “FONDATO SUL LAVORO” NON PUO’ PARLARE SOLTANTO A META’ DEI LAVORATORI, NON PUO’ ASSUMERE COME RIFERIMENTO PRIVILEGIATO SOLTANTO META’ DEL MOVIMENTO SINDACALE, NON PUO’ IGNORARE CHE A REGOLARE I RAPPORTI DI LAVORO E’ PREPOSTO SOPRATTUTTO UN SISTEMA DI RELAZIONI INDUSTRIALI, LA CUI AUTONOMIA VA PROMOSSA RISPETTATA E DIFESA

ecco perchè la sinistra della sequenza storica Pci-Pds-Pd  ed il suo sindacato, la Cgil ha completamente perso il rapporto con la realtà del LAVORO in Italiain queste condizioni MERITA DI PERDERE LE ELEZIONIP. Ferrario…. ci sono interi settori, nel nostro Paese, che funzionano in questo modo: non solo quello editoriale, ma anche le case di … Leggi tutto Pietro Ichino, UN PARTITO CHE SI QUALIFICA COME “FONDATO SUL LAVORO” NON PUO’ PARLARE SOLTANTO A META’ DEI LAVORATORI, NON PUO’ ASSUMERE COME RIFERIMENTO PRIVILEGIATO SOLTANTO META’ DEL MOVIMENTO SINDACALE, NON PUO’ IGNORARE CHE A REGOLARE I RAPPORTI DI LAVORO E’ PREPOSTO SOPRATTUTTO UN SISTEMA DI RELAZIONI INDUSTRIALI, LA CUI AUTONOMIA VA PROMOSSA RISPETTATA E DIFESA

Paolo Mieli, Le tre sconfitte della sinistra nell' Italia senza conservatori, Corriere della sera 18 maggio 2010

Nel saggio. Ernesto Galli della Loggia analizza tre date capitali della nostra storia nazionale La tesi Lo sforzo di delegittimare l' avversario rimane la vera costante della lotta politicaLe tre sconfitte della sinistra nell' Italia senza conservatoriMarcia su Roma, 18 aprile 1948, vittoria di Berlusconi nel ' 94: l' ideologia dello scontro frontale e la … Leggi tutto Paolo Mieli, Le tre sconfitte della sinistra nell' Italia senza conservatori, Corriere della sera 18 maggio 2010