Vai al contenuto

Il tempo di andare in alto Claudio Risé, da “Il Mattino di Napoli” del lunedì, 8 maggio 2006

MERCOLEDÌ, 10 MAGGIO 2006

Guardare in alto

Leggo, apprezzo, rimbalzo e ringrazio il Blog di Claudio Risè:

Claudio Risé, da “Il Mattino di Napoli” del lunedì, 8 maggio 2006

In questo momento della primavera, i gabbiani fermi alla mattina sui muretti dei lungomare italiani ci colpiscono di più, li guardiamo con maggiore attenzione. E quando si alzano ci muovono una nostalgia più forte. Perché anche dentro di noi, si solleva, ora quella passione per l’alto, per la verticalità, che si manifesta nel cuore dell’uomo quando il cielo si alza, e si va verso l’estate. La psiche umana, infatti, non è separata dai cicli della natura. Anzi, quando è in buona salute, è perfettamente accordata coi ritmi del cosmo e delle stagioni, e ne fa proprie le spinte. Ciò le dà una sensazione di benessere, anche perché moltiplica le sue energie, aiutandola ad utilizzare quelle del mondo, che vanno nella stessa direzione. 
D’inverno, la persona equilibrata accetta di buon grado l’invito ad accorciare le veglie, allungare i sonni, a coprirsi di più, ad utilizzare a fondo i propri bozzoli protettivi, dai cappotti alle case. D’estate invece, l’essere umano in buona salute, proprio come il gabbiano, ha bisogno di alzarsi, distendersi nel vento, sperimentare il mondo della leggerezza e dell’apertura, dopo aver percorso, nell’inverno, quello della pesantezza e del limite.
La poesia, sensibile all’anima umana, ha sempre saputo descrivere perfettamente questi movimenti della psiche, assai più della psicologia, che tende a coprirli con le proprie categorie concettuali, fatalmente più rigide e pesanti. Ed è sempre tentata, la psicologia, di spiegare l’uomo come se fosse un mondo chiuso, senza mettere in relazione il suo benessere e i suoi disagi con ciò che lo circonda, e lo sovrasta. Come, appunto, la natura, le sue leggi, e i suoi ritmi, uguali da sempre.
Eppure la prima scienza del benessere non può che partire dall’osservazione del mondo, e dall’aiutare l’uomo ad accordarsi con esso. Un sarto che fa un vestito leggero, che fa sentire la donna bella e felice, si dimostra uno psicologo più fine di quello che in, tempi di brezza primaverile, la ricaccia a ricordare e ripercorrere le pesantezze della severità paterna, sperimentata diversi decenni prima.
Quasi ogni passione umana, del resto, trova stimoli, e spesso origine, nei tempi della natura. Per esempio: dopo un inverno e primavera impegnati in una competizione politica estenuante, il popolo vorrebbe leaders che lo risollevino verso l’alto, gli presentino sprazzi di solarità, visioni capaci di ampiezze. Se qualcuno saprà farlo, moltissimi gliene saranno grati, e sollevati. Anche molti contemporanei riti, ed usanze, sociali, trovano la loro spinta in queste spinte elementari della psiche umana, che cerca di realizzarle col corpo.

Perché in discoteca ci si torce, ci si allunga, si salta, si alzano le braccia verso l’alto? E’ come se ci si impegnasse in un emozionante stretching verso il cielo, nel tentativo di sciogliere invernali nodosità, di distendere verso l’alto ciò che si era contratto, attaccandoci alla terra. E perché questa spinta diventa più forte d’estate, quando i cieli si sono riaperti ed il sole e le stelle ci toccano con la loro luce, e si lasciano guardare senza nascondersi dietro una cortina di nubi? Il fatto è che, in questo tempo dell’anno, alto e basso si riunificano, la luce del sole ci bagna costantemente, le piante salgono verso di essa. Ed anche l’uomo si alza verso l’alto, in una spinta psichica, e fisica, verso la riunificazione col mondo superiore,che si è nuovamente dischiuso. Facendoci provare, in ogni notte limpida, la stessa emozione di quando l’aereo si libera dalle nubi, e scopriamo di essere nel cielo blu. Molto sopra ai gabbiani.Guardare in alto | Tracce e Sentieri.

Paolo Ferrario Mostra tutti

https://mappeser.com/paolo-ferrario-2/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: