Lo stato di Israele deve ancora una volta difendere il diritto alla propria esistenza

Lo stato di Israele deve ancora una volta difendere il diritto alla propria esistenza.
Quel popolo è unito in questa ennesima congiuntura storica: Amos Oz e Abraham Yehoshua compresi. Scrittori che testimoniano nei loro libri la tremenda contraddizione di tentare di restare ancora vivi, pur nel ricordo della Shoah e che mai potrebbero essere accusati di essere guerrafondai.
La politica di catto-sinistra italiana o inneggia  alle azioni di “resistenza” dei terroristi filo-iraniani del partito degli Hezbollah o balbetta di generiche  “riprese di dialogo”. Fatte le debite proporzioni sarebbe come convincere Hitler a non invadere la Polonia o parlarea Borghezio di multiculturalismo.
Per tenermi informato mi appunto:

e questa sera, con i radicali (unici pensanti nella coalizione di centrosinistra) partecipo virtualmente alla veglia promossa dalla comunità ebraica di Roma, presso la loro Sinagoga

Stato di Israele | Tracce e Sentieri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.