Nina Simone non è solo un mio cult, ma una compagna dei giorni e delle notti. Quando ho bisogno di qualcosa che mi sembri rasentare la perfezione è lei che mi si presenta … pubblicato nella pagina Cult di Sand-Zine


Il regno segreto di Nina Simone
Nina Simone non è solo un mio “Cult”, ma una compagna dei giorni e delle notti. Quando ho bisogno di qualcosa che mi sembri rasentare la perfezione è lei che mi si presenta.
Forse negli anni ’70 sono capitato su un primo disco: “The Amazing Nina Simone” (1959). Ho qui, mentre scrivo, questo Lp con la fotografia che meglio la esprime: sola, occhi chiusi, le braccia e le grandi mani a tenere assieme le note. Non apprezzai subito: un Cult arriva quando vuole lui.
La folgorazione è stata molto successiva, quando ho imboccato i miei cinquant’anni, ed è avvenuta per due fatti concomitanti: l’ascolto dei 10 minuti di Sinnerman in “Pastel Blues” (1965) e il Cd “Nina Simone and Piano” (1968).

Caro lettore, prova a sentire

Who Am I?

e forse anche tu entrerai nel suo regno. È avvenuto anche con il suo più sensibile biografo: ’una canzone come Sinnerman, la certezza che questa musica era stata sempre là e chiedeva solo di essere identificata’ (David Brun-Lambert, “Nina Simone: un vie”, Flammarion, 2005).
Da quei momenti posso girovagare alla scoperta di altri musicisti e questi possono aiutarmi ad allietare la vita, ma poi torno sempre da lei. E ogni volta si rinnova allo stesso modo l’emozione. Talvolta (ma mia moglie dice sempre) fino alle lacrime, come nelle poesie.
Nina Simone non canta solamente: Nina Simone interpreta come un attore teatrale. Questa capacità quasi unica è stata finemente colta da Charles Aznavour che disse: ’Spesso le persone che cantano il jazz cantano la musica. Nina Simone canta il testo allo stesso tempo della musica’. Ecco perché You’d Be So Nice To Come Home To, che è uno standard jazz in tempo veloce, con Nina Simone diventa lentissimo fino allo spasimo e perché Strange Fruit è ancora più straziante che in Billie Holiday.
I suoi canti ed il suo piano, ad un ascolto appassionato, possono essere ‘visti’ come pennellate: nere, gialle, blu (molto blu), bianche …. Tutto questo lo fa con la voce, con le note del piano, ma soprattutto con i tempi che mette fra le parole. Sono questi attimi di silenzio, queste pause a generare la magia. E questo era proprio ciò che lei voleva ottenere: caro lettore prova con I Put A Spell On You, … “ti ho messo addosso un sortilegio” …
Anche le sue re-interpretazioni ( Jacques Brel, J.J. Walker, George Harrison, Randy Newman, Bob Dylan) sono una ri-creazione: quelle canzoni diventano più belle. Caro lettore: prova con Ne me quitte pas,  Mr Bojangles,  BaltimoreHere Comes The SunJust Like Tom Thumb Blues. La sua musica dura nel tempo. Molte mode musicali passano. Ma anche se il suo canto arriva dagli anni ’50, ’60, ’70, con lei il tempo sembra non passare. Tutto il resto diventa magari bella musica, ma datata. Per le canzoni di Nina Simone si può dire quello che Italo Calvino diceva dei libri: ’classici sono quei libri di cui si sente dire di solito: Sto rileggendo… e mai Sto leggendo… […] Un classico è un libro che non ha mai finito di dire quel che ha da dire. […] Chiamasi classico un libro che si configura come equivalente dell’universo, al pari degli antichi talismani. […] È classico ciò che tende a relegare l’attualità al rango di rumore di fondo.
Mi chiedo perché Nina Simone sia sempre così attuale e moderna. Credo dipenda dal fatto che per lei la musica è stata l’unica energia che l’ha tenuta viva, nel rapporto con se stessa e con il suo pubblico.
Caro lettore: cosa aspetti ad entrare anche tu nel suo regno segreto?

già pubblicato nella pagina Cult di Sand-Zine di cui ringrazio il direttore che ha “ritagliato” quelle fotografie

Paolo Ferrario

Un pensiero riguardo “Nina Simone non è solo un mio cult, ma una compagna dei giorni e delle notti. Quando ho bisogno di qualcosa che mi sembri rasentare la perfezione è lei che mi si presenta … pubblicato nella pagina Cult di Sand-Zine

  1. Caro Paolo,
    sono entrata nelle pagine che mi hai indicato ed ho letto il tuo articolo. Ora capisco: Una passione quando riesce ad entrare così dentro è perché coincide con noi : NOI SIAMO QUELLA PASSIONE e quel linguaggio,quella musica quel modo di vivere e cantare e suonare e accompagnare con tutto l’essere,corpo e spirito,tocca le corde più sensibili e profonde del nostro essere, là dove nessuno era mai entrato prima,non con quell’intensità,ridestando e mettendo a nudo la nostra essenza più profonda.Come aver scoperto una verità e continuare a cercarla ,perché è in quell’incontro che noi incontriamo noi stessi .Questo è meraviglioso . Avevo ragione a pensarti artista e poeta,lo sentivo …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...