Duende - Garcia Lorca

Nina Pastora Pavòn e il duende, di Michelle in piumazzo.com

NINA E IL DUENDE

Una volta, la cantante andalusa Nina Pastora Pavòn, cupo genio ispanico, cantava in una tavernetta di Cadice. Giocava con la sua voce d’ombra, con la sua voce di stagno fuso, con la sua voce coperta di muschio, e se la intrecciava nella chioma o la bagnava nella manzanilla o la perdeva in intrichi oscuri e lontanissimi. Ma niente, era inutile, gli ascoltatori stavano zitti. Nina finì di cantare nel silenzio. Solo un uomo piccolino, con sarcasmo, disse:”Viva Parigi!” come a dire:”Qui non interessano le capacità,la tecnica, la maestria. Ci interessa un’altra cosa!”. Allora la Nina si alzò come folle, trangugiò d’un fiato un bicchiere di acquavite come fuoco, e si sedette a cantare senza voce, senza fiato, senza sfumature, con la gola riarsa…con il démone. Era riuscita a uccidere tutta l’impalcatura della canzone per cedere il passo a un duende furioso e rovente, amico dei venti carichi di sabbia, che induceva gli ascoltatori a stracciarsi le vesti. La Nina dovette squarciarsi la voce per gli ascoltatori che non chiedevano forme ma midollo di forme, musica pura con il corpo leggero per potersi liberare. Dovette privarsi di facoltà e sicurezze…abbandonarsi… E come cantò! Riuscì a far sentire e a far godere attraverso se stessa.

da piumazzo.com • Leggi argomento – Nina e il duende.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.