Vai al contenuto

Asaf Avidan qui è già un “classico”

Visto e sentito (e molto colpito dalla emozionalità della esecuzione, esaltata dal bravissimo pianista e dalla orchestra della Rai)

al Festival di Sanremo, 13 febbraio 2013

vai al video di Sanremo 

Poi Asaf ha cantato, l’Ariston è rimasto sospeso per poco più di tre minuti tra l’ammirazione e l’incredulità. Il ragazzo ha un falsetto potente che a tratti porta la sua voce ad assomigliare effettivamente a quella di una donna. Lo «graffia» con maestria, sottolineando le parti più drammatiche del testo. Sarà anche israeliano, ma in quanto a suggestioni musicali e immaginario più che vagare per il Medio Oriente sembra guardare all’America profonda. Non è solo per quel look che ricorda il leader dei R.E.M. Michael Stipe da giovane (a proposito: «Reckoning» era, guarda caso, il titolo del secondo album del quartetto di Athens). È soprattutto per l’attitudine folk, per la capacità con la quale riesce a prendere una melodia semplice e a trasformarla, grazie a rare doti interpretative, in un pezzo d’arte. Dopo questi benedetti tre minuti non solo il pubblico dell’Ariston è scattato in piedi, ma Fabio Fazio si è sentito in obbligo di chiedergli di accennare un bis. Asaf sulle prime esitava, poi ha accettato tirandosi dietro i battimani del teatro. Gli porterà fortuna. da http://www.ilsole24ore.com/art/cultura/2013-02-14/ariston-piedi-asaf-avidan-075039.shtml?uuid=AbFXxHUH

Un’altra esecuzione di One Day:

Testo della canzone:

Non più lacrime, il mio cuore si è asciugato
io non rido e non piango
non penso a te tutto il tempo
ma qundo lo faccio – mi meraviglio del perchè

devi uscire dalla mia porta
e andare via proprio come facesti prima
so che di aver detto cdi essere sicura
ma i ricchi non riescono ad immaginarsi poveri

un giorno baby, saremo vecchi
Oh baby, saremo vecchi
e penseremo a tutte le storie che avremmo potuto raccontare

il piccolo me e la piccola te
continuano a fare tutte le cose che facevano
Loro non ci riflettono mai veramente
come io non riesco a pensarti vera

ecomi ancora- la responsabilità
la colpa, il dolore, la ferita, la vergogna
l’ideatore del nostro piano
tutto questo è bloccato in pesanti nuvole di pioggia

un giorno baby, saremo vecchi
Oh baby, saremo vecchi
e penseremo a tutte le storie che avremmo potuto raccontare

asafavidan

Michèle Ubelmann mi segnala

Paolo Ferrario Mostra tutti

https://mappeser.com/paolo-ferrario-2/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: