PRIMO LEVI, … sognavo che tornavo … così era il bisogno di raccontare

Levi, torna da Auschwitz con il bisogno impellente di scrivere. Così si racconta durante un’intervista:

“Sentivo un bisogno così prepotente di raccontare, che raccontavo a voce. Allora, nel lager, facevo spesso un sogno: sognavo che tornavo, rientravo nella mia famiglia, raccontavo e non ero ascoltato. Colui che mi sta davanti non mi sta a sentire, si volta e se ne va. Ho raccontato questo sogno in lager, ai miei amici, e loro hanno detto:” Capita anche a noi”. E poi l’ho trovato, tale e quale, citato da altri reduci che hanno scritto le loro memorie. ..E’ quasi il sogno di un bisogno primario, così era il bisogno di raccontare. Era già lì un bisogno fondamentale. Io poi ho scelto lo scrivere come l’equivalente di raccontare”.

da Sorgente: Sito ufficiale di Liliana Picciotto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.