Salute e malattia: la comunicazione problematica | Tracce e Sentieri

“Sediamoci dieci minuti e aspettiamo il referto”.
Oggi ho accompagnato la persona a me più cara a fare un esame medico e ho intercettato questa frase detta da un infermiere ad una paziente mentre la faceva sedere nella sala di attesa.
Subito mi è affiorato alla mente che i molecolari e continui progressi della medicina hanno una problematica retroazione sul piano psicologico e relazionale.
Oggi un “referto” può tendere a diventare una “sentenza” sul destino del nostro corpo, il bene biologico che ci accompagna per tutto il ciclo di vita. A tanto porta la medicina predittiva. Il potere della tecnica ci rende sempre più coscienti del nostro destino.
Riflettevo anche a quanto abbiamo bisogno delle istituzioni di servizio. Senza di esse la nostra vita sarebbe semplicemente impossibile.
Mi fisso le parole – chiave di questa mattinata: “accompagnare”, “referto”, “sentenza”, “corpo”. Tutto in un generale clima di “attesa”.

“Attàccati al badante” ho infine detto alla persona a me più cara.

Salute e malattia: la comunicazione problematica | Tracce e Sentieri.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...