Islamisti: l'estremo pericolo | Tracce e Sentieri, 5 Agosto 2004 – 8 Novembre 2011

E’ il giorno dopo.

Poteva essere una specie di 12 settembre. Ma i servizi segreti inglesi hanno saputo prevenire una serie di attentati sugli aerei di linea Inghilterra – Stati Uniti.
Ricomincia il vocio delle informazioni e dei commenti.
Preferisco, per un istante, tenermi distante e memorizzare questi articoli di Magdi Allam e Daniel Pipes, riportati nel blog http://silendo.splinder.com/

 

«Europa, un musulmano su 4 difende i kamikaze»
di Magdi Allam

 

Tra una legittima emozione calcistica e una sacrosanta vacanza al mare, forse vale la pena soffermarsi sulla realtà dell’inquilino della porta accanto e che potrebbe condizionare il nostro futuro. Come non preoccuparci del fatto che il 35% dei musulmani in Francia, il 25% in Spagna, il 24% in Gran Bretagna e il 13% in Germania legittimano gli attentati terroristici suicidi contro i civili «per difendere l’islam»? Il recente sondaggio condotto dal «Pew global attitudes project » fa emergere l’immagine di un’Europa sempre più in balia degli estremisti islamici.

 

Il Paese più a rischio è indubbiamente la Gran Bretagna. A un anno dalle stragi di quattro terroristi suicidi britannici nel centro di Londra (56 morti), la Gran Bretagna scopre che la «fabbrica del terrore» sul proprio suolo è sempre più radicata e pericolosa. L’MI5 stima che circa 8 mila musulmani, lo 0,5% del milione e mezzo con cittadinanza britannica, sostiene Al Qaeda. Ma nel sondaggio del Pew, ben il 14% dei musulmani britannici affermadi nutrire molta o qualche fiducia in Al Qaeda, un dato che è addirittura del 16% in Spagna, del 7% in Germania e del 5% in Francia.

 

Ugualmente il 12% dei musulmani in Gran Bretagna, Spagna, Germania e il 9%dei musulmani in Francia pensano che la maggioranza dei musulmani nei rispettivi Paesi sostengono Al Qaeda. Ebbene se confrontiamo questi due primi dati, emerge che l’ideologia del terrore e del «martirio » islamico travalica Al Qaeda e appartiene a un ambito più ampio, quello di Hamas e dei Fratelli Musulmani che legittimano gli attentatori suicidi dei territori palestinesi, in Iraq, Afghanistan e Cecenia. Questa ideologia della violenza e della morte poggia sull’antiamericanismo, l’antiebraismo e più in generale l’antioccidentalismo.

 

Che si manifesta nel negazionismo e nel complottismo storico. Alla domanda «Gli attentati dell’11 settembre sono stati attuati dagli arabi?», rispondono «no» ben il 56% dei musulmani in Gran Bretagna, il 46% in Francia, il 44% in Germania e il 35% in Spagna. Il negazionismo dei musulmani britannici è a un livello addirittura superiore a quello dei pachistani (41%), dei nigeriani (47%) e dei giordani (53%). Mentre la maggioranza dei musulmani europei manifesta una opinione favorevole nei confronti dei cristiani (il 91% in Francia, l’82% in Spagna, il 71% in Gran Bretagna, il 69% in Germania), nei confronti degli ebrei le percentuali si riducono drasticamente (il 71% in Francia, il 38% in Germania, il 32% in Gran Bretagna e il 28% in Spagna).

 

E se consideriamo i Paesi musulmani interessati al sondaggio, colpisce il fatto che il più antiebraico è la Giordania (soltanto l’1% ha un’opinione favorevole degli ebrei), seguito dall’Egitto (il 2%), il Pakistan (il 6%), la Turchia (il 15%) e l’Indonesia (il 17%). La maggioranza dei musulmani britannici (62%) è convinta che le relazioni tra l’Occidente e l’islam siano cattive e che la colpa sia al 48% dell’Occidente. Percentuali simili tra i musulmani in Germania (60% e 46%) e in Francia (58% e 52%), mentre in Spagna solo il 23% dei musulmani dà una valutazione negativa e solo il 28% addossa la responsabilità all’Occidente.

 

Per un altro verso, nella vicenda delle vignette satiriche su Maometto, i musulmani spagnoli sono in testa (con l’80%) nel ritenere che sia da condannare la mancanza di rispetto da parte dell’Occidente, a fronte del 5% che punta l’indice sugli islamici intolleranti. La pensano allo stesso modo il 79% dei musulmani in Francia, il 73% in Gran Bretagna e il 71% in Germania. Eppure pensate che a fronte di questo quadro allarmante, il Pew ha ritenuto di accompagnare il titolo dell’inchiesta «Il grande discrimine: come gli occidentali e i musulmani consideranol’un l’altro», da un occhiello che recita: «I musulmani d’Europa sono più moderati ».

 

Si intende «più moderati» rispetto al passato, alla fase immediatamente successiva all’11 settembre 2001. Non so voi, ma a me non tranquillizza affatto questa valutazione relativa. Condivido piuttosto l’analisi del politologo Daniel Pipes che, analizzando il sondaggio, sottolinea l’affermazione del «fenomeno del Londonistan» in Gran Bretagna: più gli autoctoni si sottomettono, più gli islamici reagiscono in modo aggressivo a un comportamento percepito come un atto di debolezza. Se si considera l’insieme degli atteggiamenti dei musulmani, emerge che se la Gran Bretagna rischia perché in passato è stata permissiva al massimo, la Spagna rischia ugualmente perché attualmente promuove una politica lassista.

 

E il dato globale sulla Francia e sulla Germania spiega che essere o non essere implicati nella guerra in Iraq non è significativo nella determinazione del livello di pericolosità dell’estremismo islamico. Sono insegnamenti che valgono per tutti, Italia compresa.

 

Come la pensano i musulmani di tutto il mondo?
di Daniel Pipes

 

Per saperlo, la scorsa primavera il Pew Research Center for the People & the Press ha condotto un sondaggio su vasta scala dal titolo “The Great Divide: How Westerners and Muslims View Each Other” (“La Grande Divisione: Come si Vedono gli Occidentali e i Musulmani”). Sono stati intervistati i musulmani appartenenti a due gruppi di paesi: sei dei quali a maggioranza musulmana da lunga data (Egitto, Indonesia, Giordania, Nigeria, Pakistan e Turchia) e quattro a minoranza musulmana (Francia, Germania, Gran Bretagna e Spagna).
Il sondaggio, che prende altresì in considerazione il punto di vista dell’Occidente in merito ai musulmani, ha evidenziato dei risultati sconcertanti, ma non del tutto sorprendenti. Le tematiche possono essere raggruppate in tre sezioni.
Una tendenza alle teorie cospirativeLa maggioranza degli intervistati musulmani non crede che gli attacchi dell’11 settembre contro gli Stati Uniti siano di matrice araba. Le percentuali vanno da un mero 15% di coloro che in Pakistan attribuiscono la responsabilità agli arabi al 48% dei musulmani francesi. A conferma dei recenti trend negativi della Turchia, il numero dei turchi che puntano il dito contro gli arabi è diminuito, oscillando dal 46% nel 2002 al 16% odierno. In altre parole, in ognuna di queste dieci comunità musulmane, la maggioranza considera gli attacchi dell’11 settembre come una beffa perpetrata dal governo americano, da Israele o da qualcun altro.
Inoltre, i musulmani sono largamente prevenuti nei confronti degli ebrei, andando dal 28% dei musulmani francesi al 98% della Giordania (che malgrado la moderazione della monarchia ha una popolazione a maggioranza palestinese). In più, i musulmani di certi paesi (specie dell’Egitto e della Giordania) vedono gli ebrei sotto un’ottica cospirativa, come i responsabili dei pessimi rapporti tra musulmani e occidentali.
Le teorie cospirative si riferiscono ad argomenti più vasti. Alla domanda “Chi è maggiormente responsabile della mancanza di benessere delle nazioni musulmane?” tra il 14% (in Pakistan) e il 43% degli intervistati (in Giordania) accusa le linee politiche americane e di altri Stati europei, piuttosto che attribuire la colpa ai problemi interni come la mancanza di democrazia o di istruzione, oppure alla corruzione insita nell’Islam radicale.
Questo cospirazionismo denota una diffusa riluttanza in seno all’umma ad affrontare la realtà, preferendo i più sicuri luoghi comuni dei complotti, delle trame e degli intrighi. Ciò denota altresì dei grossi problemi a conformarsi alla modernità.
Appoggio al terrorismoTutte le popolazioni musulmane intervistate si sono decisamente schierate a favore di Osama bin Laden. Alla domanda se esse avessero fiducia in lui, la risposta è stata positiva andando dall’8% (in Turchia) al 72% (in Nigeria). Anche il terrorismo suicida ha riscosso approvazione. Le percentuali dei musulmani ad esso favorevoli vanno dal 13% (in Germania) al 69% (in Nigeria). Queste incredibili cifre denotano che il terrorismo musulmano ha delle radici profonde e rimarrà un pericolo per gli anni a venire.
I musulmani britannici e nigeriani sono i più disaffezionati. Il Regno Unito si distingue per essere un paese paradossale. I non-musulmani ivi residenti sono maggiormente favorevoli all’Islam e ai musulmani di quanto lo siano i non-musulmani di altri paesi occidentali. Ad esempio, solo il 32% del campione britannico considera i musulmani violenti, una percentuale significativamente inferiore se si guarda al 41% della Francia, al 52% della Germania o al 60% della Spagna. Nella disputa delle vignette satiriche su Maometto, i britannici mostrarono una maggior simpatia per l’ottica musulmana rispetto agli altri europei. Più in generale, gli inglesi attribuiscono meno colpe ai musulmani per il pessimo stato dei rapporti tra l’Occidente e il mondo musulmano.
Ma i musulmani britannici contraccambiano il favore con i più dannosi comportamenti anti-occidentali rilevati in Europa. La maggior parte di loro considera gli occidentali violenti, avidi, immorali più di quanto lo pensino le loro controparti in Francia, Germania e Spagna. Inoltre, essi manifestano delle posizioni di gran lunga maggiormente estremistiche in merito agli ebrei, all’attribuzione di responsabilità per l’11 settembre o alla posizione delle donne in seno alle società occidentali.
La situazione presente in Gran Bretagna rispecchia il fenomeno del “Londonistan”, in cui i britannici piegano anticipatamente la schiena e i musulmani reagiscono a questa debolezza ricorrendo a comportamenti aggressivi.
I musulmani nigeriani nutrono in genere dei punti di vista molto belligeranti su argomenti del tipo lo stato dei rapporti tra musulmani e occidentali, la presunta immoralità e arroganza degli occidentali nonché l’appoggio a bin Laden e al terrorismo suicida. Non vi è dubbio che questa forma di estremismo sia una conseguenza dei violenti rapporti che intercorrono in Nigeria tra cristiani e musulmani.
Ironia della sorte, in quei paesi in cui i musulmani si sono più o meno adattati è stata rilevata la più alta percentuale di disaffezione musulmana, il che sta a indicare che una via di mezzo sia la migliore: laddove i musulmani non ottengono speciali privilegi, come in Gran Bretagna, né nutrono una forte ostilità, come in Nigeria.
Nel complesso, il sondaggio condotto dal Pew invia un indiscutibile segnale di crisi da un capo all’altro del mondo musulmano.

 

Pro-memoria: Bernard Lewis, “Dobbiamo fermarli prima che ci distruggano”

Politica: il nemico | Tracce e Sentieri, 5 Agosto 2004 – 8 Novembre 2011.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.