Alberi

Cosa insegna un albero di nespole, 4 giugno 2007. Purtroppo lo hanno tagliato. Peccato: voleva solo vivere. E non dava fastidio a nessuno. “L’uomo è violenza”, Emanuele Severino

Quasi sotto casa c’è un albero di nespole che in queste utime settimane ha anche fruttificato.
E’ cresciuto in un luogo che sembrava impossibile.
Quasi in centro città, a pochi metri da una delle più trafficate strade di scorrimento.
Del tutto a ridosso di un  muro.
In mezzo ai preziosi ed ambiti posti di parcheggio.
Eppure anche in questo ambiente così ostile e pieno di ostacoli insormontabili, è riuscito a mettere radici, a cercare terra là sotto, ad attivare ogni anno il suo ciclo vitale.
Fino alle belle nespole color arancione di questi giorni.

C’è molto da apprendere da lui.
Volere vivere ovunque sei.
Assecondare la ghianda che è in te.
Farsi aiutare. In questo caso dai geometri che non hanno osato tagliarlo, dagli amministratori di condominio che lo hanno tollerato, dagli automobilisti che si tengono a quei 30 cm di distanza che gli danno un minimo di spazio.
Esprimere la “bellezza in sè”. Con quella chioma che vorrebbe essere rotonda e che si inchina un poco in avanti tanto per aspirare a quello che vorrebbe essere.
Infine attirare l’attenzione su di sè.
Facendo fermare per un attimo, anche un attimo solo, chi passa veloce.

Caro nespolo: ti ringrazio di esistere.

Categorie:Alberi

2 risposte »

  1. Mi avete fatto commuovere, il mio giardiniere mi ha consigliato di togliere la nespola che ho in giardino per metterne una pianta più “elegante”, tutti mi dicono lo stesso ma in me l’idea di uccidere una pianta, un essere vivente, fa star male da morire. In entrambe le scelte sarei scontenta, ma mi conforta sapere che c’è qualcuno che la pensa come me!

    • fai benissimo a tenere il tuo nespolo in giardino. purtroppo quello che è stato tagliato era in una parte comune di un condominio e così, per far posto a delle auto è stato eliminato. l’uomo è violenza come dice il filosofo Emanuele Severino. Grazie per il tuo commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.