CIPRO: Venezia e i Turchi, 1570-1571

 

Nel 1500 i Turchi con il sultano Solimano il Magnifico avevano raggiunto l’apogeo del loro impero.
La minaccia turca era sentita in tutto il Mediterraneo.
Le coste italiane erano sotto il continuo attacco dei musulmani. Ecco alcuni esempi:
– 1501 riduzione in schiavitù degli abitanti dell’isola di Pianosa nel Tirreno;
– 1516 sbarco a Lavinio, nel Lazio, il papa Leone X riuscì a sfuggire miracolosamente alla cattura;
– 1534 sbarchi a Cetraro e San Lucido, in Calabria, in vari luoghi del golfo di Napoli, a Sperlonga e a Fondi, nel Lazio;
– 1543 sbarchi a Messina e Reggio;
– 1544 sbarchi in Liguria, e a Talamone, in Toscana; riduzione in schiavitù degli abitanti di Ischia, Pozzuoli, Procida, Lipari, Reggio e Cariati;
– 1548 saccheggio e riduzione in schiavitù degli abitanti di Castellamare di Stabia e Pozzuoli, nel golfo di Napoli;
– 1550 saccheggio di Rapallo nel golfo ligure;
– 1551 saccheggio di Augusta a luglio;
– 1552 nuovo saccheggio di Augusta a maggio;
– 1554 a Vieste, sulla costa pugliese, furono portati via 6.000 abitanti;
– 1555 saccheggio di Paola in Calabria;
– 1558 riduzione in schiavitù degli abitanti di Sorrento e Massa;
– 1560 sbarco a Villafranca, dove il duca di Savoia Emanule Filiberto rischiò di essere ridotto in schiavitù;
– 1561-1565 saccheggio di Porto Maurizio, Antignano, Celle, Albissola;
– 1566 sbarchi a Ortona e Vasto, in Abruzzo.
Venezia era la maggiore potenza navale italiana. La sconfitta di Venezia sarebbe stata seguita immediatamente dalla invasione dell’Italia.
Venezia era presente nel Mediterraneo Orientale a Candia e a Cipro.
Il Turco, sostenuto da una motivazione politico-religiosa, cominciò ad attaccare dal punto più vicino al suo impero: l’isola di Cipro.
E Cipro cadde dopo una gloriosa resistenza della guarnigione italiana.
Il martirio di Bragadin rimarrà nei secoli a testimoniare il sacrificio per la difesa dei valori dell’Occidente.
La flotta cristiana fermerà a Lepanto la spada dell’Islam. Ma fino a quando?
Blogged with the Flock Browser

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.