Paolo Conte, un incantevole ritorno, al Teatro di Varese in Piazza della Repubblica, il 1° ottobre 2011

eravamo lì, nel Teatro di Varese in Piazza della Repubblica, e vedere e sentire ancora una volta Paolo Conte.

un momento di eternità.

grande, grandissimo compagno dentro il nostro tempo che resta

Luciana

da una lettera di Luciana ad Alessandra:

… “abbiamo ascoltato Conte a Varese. Effettivamente ci sono persone (spero non solo i “grandi”) che invecchiando riescono a superare se stessi. Come già notato per Svampa (alternava chiacchierate a canzoni) anche Paolo C. ha accorciato i suoi tempi a favore della musica e ha concesso un’unica canzone di bis, facendo segno alla sua gola come a dire “Non ce la faccio più”. E’ stato un tripudio. Molti capelli bianchi oltre che argento nella platea e applausi a non finire. Si è anche commosso. Il suo repertorio da concerto pesca sempre nei successi del passato, e penso che il pubblico si aspetti proprio quelli, non perchè le nuovi canzoni siano da meno, ma proprio perchè le antiche note sono quelle ormai penetrate nel profondo. Ne siamo stati felici” …

la nostra registrazione clandestina è pessima, tuttavia serve a ricordare perlomeno il repertorio di quella sera

Paolo Conte al Teatro di Varese 1 ottobre 2011 – parte 1 e parte 2

 

Un anno fa l’Observer, dopo un concerto trionfale a Londra, defini Paolo Conte “Un maestro di un’eleganza perduta”. Un titolo perfetto e un omaggio a un grande della musica italiana.
Settantaquattro anni portati con disinvoltura, sul palco non una parola, se non quelle cantate. Eppure Conte scalda e coinvolge il pubblico.
Esattamente come dieci anni fa, l’Apollonio è tutto esaurito. Il cantautore di Asti resterà alla storia a Varese perché fu proprio lui ad inaugurare il teatro con un concerto memorabile. Come allora lui lascia parlare la sua musica. Lo accompagnano dieci musicisti che si muovono intorno al suo pianoforte come L’orchestrina di Nelson che chiude lo spettacolo.
È Cuanta pasion ad aprire il concerto che per quasi due ore strega il pubblico varesino. Una scaletta fatta di canzoni del suo ultimo album Nelson e poi tanti pezzi classici senza sbavature, tra i palleggi del cuore di Alle prese con una verde Milonga, Dancing, Max e Sotto le stelle del jazz, Nina.
conte ottobre 2011Un solo bis ed è quasi un regalo, perché Conte ne concede davvero pochi, e aveva stupito tutti proprio dieci anni fa perché chiuse lo spettacolo senza rientrare sul palco.
Lui si è sempre sottratto alle lusinghe e come raccontava al giornalista dopo il concerto di Londra, “trovo di cattivo gusto approfittare della notorietà per lanciare messaggi”. Un signore di altri tempi, con uno spettacolo che regge solo sulla buona musica ele sue canzoni sono un po’ come un buon vino, invecchiando si assaporano con ancora maggior gusto.
Varese è una tappa speciale per Paolo Conte che domani riceverà il premio del Festival del racconto “Le Parole della Musica”, in collaborazione con il prestigioso Premio Tenco.

da Varese – Paolo Conte, un incantevole ritorno | Varese Laghi | Varese News.

Categorie:Paolo Conte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.