GIO’ LA TARTARUGA E MIRTA LA RANOCCHIA – Racconti scritti da Genitori per i Bambini

… 

Ad un certo punto però fu distratta dal passaggio di una lunga fila di tartarughe che si stavano trasferendo verso luoghi più ricche di cibo, avevano infatti finito tutte le loro scorte; se non che ce ne era una in fondo al gruppo che si attardava e sembrava lo stesse facendo a posta per sentire cosa la ranocchia avesse da raccontare a cosù tanti bambini. Mirta, che oltre che intelligente era anche presuntuosa, subito si spazientù e chiese a Gio’, la tartaruga che tardava, se volesse per piacere proseguire oppure unirsi agli altri per ascoltare, purch� non disturbasse tutti.

Gio’ la guardò con aria di sfida, pensava infatti in cuor suo che le tartarughe fossero gli animali più intelligenti del mondo e che non sarebbe stata certo una piccola ranocchia ad insegnargli niente. Nel frattempo i ragazzi cominciavano diventare sempre più stupiti, erano infatti abituati a vedere la maestra sempre felice di insegnare, ma adesso vedevano qualcosa che non conoscevano�cominciavano ad avere paura. Finalmente Gio’ iniziò a parlare e chiese a Mirta se volesse accompagnarlo un poco più in là dove le avrebbe fatto conoscere tutto ciò che sapeva; Mirta accettò e seguita dai bambini si incamminò verso la riva di un fiume che scorreva poco lontano dall’ albero presso il quale si erano incontrati.

Giunti alla riva la tartaruga iniziò ad elencare tutte le specie di pesci che abitavano il corso d’ acqua e Mirta, che non li conosceva, stava zitta, ma dentro di se si sentiva arrabbiare sempre di più verso questo certo Gio,’ che sbucato dal nulla, voleva dimostrare di essere più bravo di lei. Poi fu il turno della ranocchia che alzò gli occhi verso il cielo e iniziò a contare e dire i nomi di tutti gli uccelli che volavano sopra le loro teste, anche Gio’ stava zitto, ma non come Mirta, lui infatti conosceva anche il nome degli uccelli, solo aspettava che la ranocchia sbagliasse per fare in modo che tutti ridessero di lei, che si credeva molto intelligente.

… segue

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.