TRE SI' AL REFERENDUM SULLA LEGGE ELETTORALE DEL 21 GIUGNO 2009

SOGNO
Rovisto nel magazzino dei ricordi e riitrovo un sogno di 5 anni fa. Un vero sogno trascritto al risveglio.

“Questa notte ho sognato una campagna elettorale in cui la Destra fa a meno della Lega e la Sinistra fa a meno di Rifondazione comunista e degli altri residuati della storia del primo novecento.

Il sogno sfuma su chi vince.

Ma poi il ricordo torna sui leghisti che tornano nelle valli infinitamente meno arroganti di quello che sono e sui rifondaroli e nostalgici della tomba di Lenin che si ritirano nei loro territori sociali.

Questi ultimi, però, li vedo vedo contenti a specchiarsi nella loro “diversità”, ostentando quell’aristocratico disprezzo per tutti coloro che non hanno lo stesso furore ideologico. Moderni narcisi che hanno fatto annegare per due volte i governi Prodi, dando vita, per esclusiva loro responsabilità, alla nuova destra italiana.
Mii sveglio ed accorgo che quella campagna elettorale era un sogno.”

Ora però c’è una occasione, l’ultima e la sola, per chiudere con i gruppuscoli iracondi e litigiosi della sinistra egoriferita.

REFERENDUM ELETTORALE SULLA LEGGE ELETTORALE DEL 21 GIUGNO

I tre quesiti referendari riguardano:

* premio di maggioranza nazionale per la Camera dei deputati (abrogazione della possibilità di collegamento tra liste e di attribuzione del premio di maggioranza ad una coalizione di liste);

* premio di maggioranza regionale per il Senato (abrogazione della possibilità di collegamento tra liste e di attribuzione del premio di maggioranza ad una coalizione di liste);

* disciplina della candidature (abrogazione della possibilità per uno stesso candidato di presentare la propria candidatura in più di una circoscrizione)

Con il primo quesito, in caso di vittoria del Sì, viene abolito il premio di maggioranza alla Camera per la coalizione più votata. La legge attuale assegna il 55% dei seggi della Camera alla coalizione o alla lista che prende il maggior numero di voti sul territorio nazionale. Se passano i Sì conquisterà il premio la lista che arriva prima. Altra conseguenza della vittoria dei Sì è l’innalzamento della soglia di sbarramento: attualmente accedono alla distribuzione dei seggi le coalizioni che superano l’8 % e i partiti che prendono più del 4 %,. Con i Sì la soglia sarebbe innalzata per tutti al 4 %. La Camera sarebbe così composta: il 55 % dei seggi (340) alla lista più votata, il restante 45 % diviso fra le liste che hanno superato il 4.

Il secondo questi riguarda il Senato: se vincono i Sì conquista il premio la lista più votata. La soglia di sbarramento per le liste, in questo caso, sale all’8 %.

Il terzo quesito elimina la possibilità per un candidato alla Camera o al Senato di partecipare alla competizione elettiva in più circoscrizioni. Le attuali liste bloccate rafforzano il potere delle segreterie politiche di selezionare le candidature e di scegliere i futuri parlamentari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.