Un “amico di Polis” e la sua visione del ciclo di vita


F. è stato medico di base per oltre un trentennio.
Ho conosciuto fugacemente F. negli ideologici anni ’70. Poi abbiamo militato in modo attivo nel Pci comasco negli anni ’80 , dedicandoci alla politica sanitaria locale. 
Abbiamo impegnato molte energie del nostro Sè in quei progetti. Uso la parola Sè, alludendo a Parmenide, quando da 2500 anni fa ci sussurra: “L’Essere è. Il nulla non è. Questo io esorto a considerare“. Ognuno di noi valuterà quel bilancio temporale.
Poi le vicende della vita ci hanno condotto su altre tracce e sentieri.
E’ però rimasta sempre una partecipe simpatia fra noi. 
Abbiamo anche in comune l’affacciarci ogni giorno sulle acque del Lario.
Ma questo ricordo di lui vivo e presente è collegato a temi di politica sociale.
Qualche settimana fa è andato in pensione ed ha raccontato in poche parole le sue motivazioni e visione della Polis:

“Ho confidato spesso alla mia preziosa collaboratrice …, in questi ultimi difficili mesi di lavoro, il desiderio di uscire dalla mia attività lavorativa in silenzio: senza cerimonie, senza regali.
Avevo ed ho bisogno di quiete, di distanza dalle responsabilità che tanto ho avvertito in questi 32 anni di attività di medico a …. Avevo ed ho anche timore di essere coinvolto in discorsi retorici ai quali mi sento completamente estraneo.
Ma le manifestazioni di stima,e soprattutto di affetto che così tante persone mi hanno manifestato, mi hanno profondamente turbato e in alcuni momenti veramente commosso. Ho sentito in questi momenti il legame con le persone del mio paese che ho continuamente cercato di conquistare in tutti questi anni. In fondo il mio desiderio di essere … era quello: stima e affetto reciproco profondo, direi,  senza retorica,  quasi amore.
 Da parte mia ho capito e apprezzato tutte le qualità dei miei concittadini e ho cercato di mostrare il mio rispetto con l’amicizia e la qualità del mio lavoro.
Ho cercato di trasfondere nel mio lavoro in primo luogo l’onestà e la serietà, insegnamenti che mi sono stati trasmessi da mio padre e dalla sua famiglia, senza mai sentirmi costretto da convenzioni e regole formali. Ho voluto sentirmi libero di poter esprimere le mie idee proprio per poter essere poi equilibrato e disponibile verso chiunque. Penso di non essere mai riuscito a nascondere le mie emozioni e i miei giudizi.. Tutto quello che ho fatto l’ho fatto senza mai avvertire  alcun peso, sentendo proprio la necessità e il piacere del prendersi cura degli altri . Ho ricevuto in cambio moltissimo e non solo in questi giorni e sono felice di averlo sentito e capito con una profondità che mi farà compagnia e mi darà una grande serenità.”
 
Sia io che F. abbiamo vissuto in una fase virtuosa delle politiche sociali: “lavoro” e “servizi”. Attività meritevoli di miglioramento: ma “lavoro” e “servizi” esistenti, intenzionali e progettabili. 
Di questi tempi succede , invece, che la politica (nel suo complesso e nelle sue diverse famiglie) consegna alle future generazioni un mondo infido, difficile, impervio, perfino pericoloso. 
Scegliere di non fare “accanimento lavorativo ” (quanti prevecchi e vecchi aggrappati alla loro occupazione, come se nel loro Essere ci possa essere solo il consumante tempo dedicato al lavoro! Quante resistenze a lasciare il passo!) è l’unica scelta che come persone singole possiamo fare.
Entrambi arriviamo da una tradizione politica in cui si pensava che contassero di più le scelte sociali, e dunque esterne alla nostra responsabilità individuale.
Invece, per quanto penso del rapporto Individuo/Società, contano solo le scelte individuali. Quelle che mettono assieme etica personale ed etica pubblica a partire da Principio di Responsabilità che è sempre e solo individuale
Nei prossimi decenni un altro medico farà il suo percorso di cura in quelle terre. E sarà un’altra storia. Come è necessario che sia
Ho tenuto molto ad avere il testo della sua relazione, per tenerla nei miei diari internettiani come una testimonianza del nostro agire nel mondo.

Paolo Ferrario
a Coatesa, il 20 luglio 2010

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.