Il sogno del negro sofferente

Sono all’aperto, in un cantiere stradale. Gli operai sono sporchi di sudore.
Nel punto in cui si deve stendere il nastro di asfalto c’è un uomo di carnagione scura, avvolto in un pastrano.
E’ steso su una rete appoggiata sull’asfalto liquido, Fra i piedi tiene una pertica di ferro e la muove a leva su e giù, per fare attrito.
E’ così che si deve fare per stendere l’asfalto. E’ così che deve fare lui. E’ solo lui che lavora. Gli altri lo guardano.
Questa azione è terribilmente faticosa e vedo il suo sguardo carico di dolore.
I suoi occhi (ah che occhi ! …) parlano di una fatica intollerabile e di un carico di dolore che solo lui deve sopportare.
Si ferma. Non ce la fa più. Lo tirano fuori, con il suo pastrano che lo copriva.
Mi guarda e incrocio i suoi occhi che incarnano la sofferenza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.