Come finiscono i partiti in Italia: una curiosa somiglianza — The Frontpage

Il 15 maggio 1921 si tengono le ultime elezioni libere del Regno d’Italia. Il primo partito è il Psi, con il 24,7% dei voti, seguito dal Partito popolare con il 20,8%. Nel complesso, i partiti antifascisti raccolgono il 74,2% dei voti validi. Meno di cinque anni dopo, nel 1926, quegli stessi partiti, che rappresentano ancora i tre quarti degli italiani, sono tutti formalmente sciolti o in clandestinità.Il 5 aprile 1992 si tengono le ultime elezioni della cosiddetta Prima repubblica. I sei partiti dell’arco costituzionale (Dc, Pds+Rifondazione, Psi, Pri, Psdi e Pli) ottengono tutti insieme il 74,7% dei voti degli italiani. Due anni dopo, nel 1994, i cinque partiti che hanno governato l’Italia nei cinquant’anni precedenti sono tutti formalmente sciolti; Pds e Rifondazione si presentano alle elezioni politiche anticipate sotto l’insegna dei “Progressisti”.

Blogged with the Flock Browser

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.