Francesco Agnoli, Cattocomunismi. Così è nata la pericolosa commistione tra marxismo ateo e cattolicesimo disincarnato, Il Foglio» del 18 marzo 2010

Cattocomunismi. Così è nata la pericolosa commistione tra marxismo ateo e cattolicesimo disincarnato

Francesco Agnoli

[…]come il comunismo abbia rappresentato nella storia il più compiuto tentativo di costruire una società senza Dio, anzi contro di Lui. Con un fallimento totale. Non si può dimenticare che proprio il mondo cattolico, che avrebbe dovuto costituire un argine all’ateismo comunista, è stato ed è tuttora fortemente contaminato da tale ideologia. […]

sembra che molti cattolici si vergognino del fatto che il cristianesimo non ha eliminato il male dal mondo, e rimangano ammirati dal sogno utopico del comunismo, disposti a perdonargli “qualche incidente di percorso”. Ma come si realizza la contaminazione tra comunismo ateo e cattolicesimo? Avviene che molti cattolici, presi nel vortice delle soluzioni mondane, ritengono di poter battezzare il divorzio tra Dio e l’uomo, tra la sua legge e la società umana, tra Cristo e la storia.
Sembra che l’idea di una salvezza che l’uomo si procura da solo sia compatibile con l’idea, antitetica, di un Salvatore che viene incontro all’uomo che lo cerca. Eppure già Dostoevskij aveva capito che i “demoni” rivoluzionari “pensano di organizzarsi secondo giustizia, ma avendo respinto Cristo, finiranno con l’inondare il mondo di sangue”.
L’umanesimo ateo diventa così il punto di incontro tra cattocomunisti e comunisti, in nome dell’uomo, misura di tutte le cose, a cui è stato tolto, per grazia ricevuta, il peccato originale.
[..]
 Umanesimo ateo, dimenticanza della natura decaduta dell’uomo, preponderanza totale conferita alla dimensione sociale e politica della fede, insieme alla orizzontalità della nuova liturgia, rafforzano nel mondo cattolico l’equivoco catto-comunista, con una ricaduta immediata sulle priorità pratiche della vita cristiana. Il cristiano “contaminato”, infatti, non ha presente altro che il peccato sociale, l’ingiustizia del sistema, le “colpe” della società. Finisce così per cadere nello stesso astrattismo dei comunisti,
[..]

«Il Foglio» del 18 marzo 2010

l’intero articolo qui: Editoriali & altro Cattocomunismi. Così è nata la pericolosa commistione tra marxismo ateo e cattolicesimo disincarnato

Blogged with the Flock Browser

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.