La Techne non ha scandito ancora l’inizio del ciclo del dolore

è stata una giornata importante.
Infatti con ansia ho portato gli esami diagnostici
(che noi in prospettiva severiniana
consideriamo sentenze della tecnica dell’Occidente)
dunque ho attraversato la città
pensando alla poesia “un passo dopo l’altro” di Mark Strand.
Ho pensato di propiziare il destino regalando una tartarughina 
alla mia tartarugosa.
A casa sento la sua telefonata nella quale mi dice
che forse le cose non sono gravi.
Forse abbiamo ancora del tempo che resta.
Facciamone un uso buono, mite e denso di comunicazione amorevole
 e intersoggettiva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...