Militante, Iscritto, Elettore.

“Militante“,
“Iscritto”
,
“Elettore

In un testo classico, così Maurice Duverger distingueva le figure-chiave del partito politico moderno.
Usando una mappa a cerchi concentrici il militante rinvia alla scelta di un orizzonte di senso sostenuto dai propri valori individuali e collettivi; l’iscritto va in quel partito che gli sembra che meglio tuteli i propri interessi; l’elettore sostiene sul mercato politico quel partito o quella coalizione che fa proposte di programma convincenti e rispondenti al complesso dei suoi bisogni.
Nella fase della mia vita in cui sono stato militante ho appreso che la scansione è più articolata:

Il vecchio compagno F. mi insegno subito la distinzione fra l’”elettore”, il “simpatizzante”, l’”iscritto”, il “militante”, il “dirigente”, l’”eletto nelle istituzioni”

E oggi, nella situazione in cui la sinistra fa politica abusando della vita privata dell’antagonista, che cosa resta di quella classificazione?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.