Alla Officina della Musica di Como oggi si inaugura una Mediateca: dischi da ascoltare e farsi prestare. Articolo di Alessia Roversi in La Provincia 22 settembre 2021. AUDIO degli interventi di Alessio Brunialti, Maurizio Salvioni, Cristiano Paspo Stella

I 75 anni di Jarrett (08/5/1945)

Tracce di Jazz

Capriccioso, irascibile, insopportabile, ma appena mette le mani sulla tastiera ecco che la magia si sprigiona. Una carriera lunga, forse oggi minata da problemi alle mani (che speriamo siano risolvibili), costellata da una lunghissima discografia, forse eccessiva considerando la ripetitività delle due formule esclusive ormai da quasi quarant’anni: piano solo e Standard Trio. Volendo fare l’avvocato del diavolo alcuni album, sopratutto nel penultimo periodo, sembrano un pò di routine, ma, una routine di gran classe senza mai cadute di gusto. La qualità è sempre garantita, certo la freschezza e la novità non abitano più da quelle parti, ma la classe e il tocco sono rimasti immutati.

jar“Jarrett possiede l’abilità di far “cantare” il pianoforte, al punto che quando lo suona lo strumento acquisisce caratteristiche innografiche quasi sacre. Il primo ad introdurre elementi di questo tipo nel Jazz è stato Coltrane , ma Jarrett non ha rivali nel coltivare e trasporre…

View original post 278 altre parole

mi ricordo …. : Addio PEPPO SPAGNOLI, paladino del Jazz, fondatore della casa discografica Splasc (h), articolo di Alessio Brunialti, in La Provincia 6 marzo 2020

Peppo Spagnoli (2020). Fondatore nel 1982 della Splasc(h), la più importante etichetta discografica di jazz in Italia. Nato ad Arcisate, provincia di Varese, è stato a lungo consigliere comunale per il Pci e lavorò come disegnatore tessile prima di dedicarsi alla musica. Il primo album pubblicato da Splasch(h) fu Lunet, dell’European Quartet del sassofonista Gianni Basso. Tra … Leggi tutto mi ricordo …. : Addio PEPPO SPAGNOLI, paladino del Jazz, fondatore della casa discografica Splasc (h), articolo di Alessio Brunialti, in La Provincia 6 marzo 2020

il JAZZ spiegato ai nostri figli, di STEFANO BOLLANI, in CorriereInnovazione, 29 novembre 2019

articolo copyright letto in edizione cartacea su Corriere delle Sera innovazione cercare qui: http://corriereinnovazione.corriere.it/cards/jazz-calderone-scoprite-tutti-segreti-questo-genere-musicale-pieno-sapori/etimologia-vocabolo_principale.shtml http://corriereinnovazione.corriere.it/ un estratto: Il jazz dunque, quasi per definizione, ama l’imprevisto, perché è l’elemento che può portarti a prendere in considerazione una strada che avevi scartato o che non ti era venuta in mente. Quello che altri chiamano errore. Il jazz … Leggi tutto il JAZZ spiegato ai nostri figli, di STEFANO BOLLANI, in CorriereInnovazione, 29 novembre 2019

The Bad Plus 2.0, la nuova vita di un trio

Tracce di Jazz

Un trio pianistico è una creatura musicale delicata, viene difficile pensare che possa sopravvivere al ‘trapianto di pianista’. Eppure è proprio quel che è successo ai Bad Plus con l’abbandono dello storico componente Ethan Iverson e la sua sostituzione con Orrin Evans. Tra l’altro si tratta di due musicisti molto diversi tra di loro, e la scelta a favore di Evans dei due Bad Plus superstiti – il bassista Reid Anderson ed il batterista Dave King – all’epoca mi aveva piuttosto stupito. Così come la decisione di Iverson di lasciare una formazione ormai notevolmente affermata ed ormai ben riconosciuta ed apprezzata da un ampio pubblico  per la sua fisionomia originale e ben caratterizzata, e ben lungi dall’aver esaurito le sua potenzialità creative. Ma si sa, il jazz (quello vero) o è musica dell’inquietudine, o non è.

The Bad Plus uno….

downloadfile

Quelli che chiameremo i Bad Plus 2.0 hanno già partorito…

View original post 656 altre parole

Aldo Pedron presenta il libro LA MIA GUIDA AL JAZZ, dialogando con Alessio Brunialti. Live di Roberto Quadroni (sax alto) e Bruno Lavizzari (pianoforte), alla Officina della Musica, via Giulini 14/B, COMO, 9 maggio 2019, ore 21

Coatesa sul Lario e dintorni

INCONTRO CON ALDO PEDRON
L’Officina della Musica, via Giulini 14/B, ore 21, ingresso a 10 sacchi
Aldo Pedron presenta il libro La mia guida al jazz dialogando con Alessio Brunialti. Live di Roberto Quadroni (sax alto) e Bruno Lavizzari (pianoforte).

View original post

Keith Jarrett, Gary Peacock, Jack DeJohnette , PRISM, 1985, con i commenti pubblicati su youtube

commenti Commento in evidenza The Odyssey11 ore fa This is what eternity sounds like. Many thanks. 1 RISPONDI Visualizza risposta Rosie S11 mesi fa What a groove they've got going!...Such joy! Wonderful 🙂 1 RISPONDI Rosie S11 mesi fa ❤ 1 RISPONDI punkrocker197411 mesi fa Magico 1 RISPONDI dobby dob1 anno fa Fabuleuse extension de … Leggi tutto Keith Jarrett, Gary Peacock, Jack DeJohnette , PRISM, 1985, con i commenti pubblicati su youtube

DUKE ELLINGTON, introduzione all’ascolto a cura di Andrea Varolo (con gli AUDIO della lezione). Alla Officina della Musica di Via Giulini, Como. Articolo di Alessio Brunialti in La Provincia di Como, 13 febbraio 2019

I miei APPUNTI: gli AUDIO della lezione 1: introduzione https://drive.google.com/file/d/1F0y6ZOWw-Mhma2K7S2K6DUErFjh5Qft8/view?usp=sharing 2:  Cotton Club https://drive.google.com/file/d/1KYGoF_mzYfceC9RMa5GuXarApaI4tY9J/view?usp=sharing 3: Black Tan Fantasy https://drive.google.com/file/d/1Snf1CrL8IC-YRV2cvwibNmZfltsmXOK4/view?usp=sharing 4: Video https://drive.google.com/file/d/18HEg1Ml5D5Q8os5qXY6vE160GmxnSyhu/view?usp=sharing 5: Mood Indigo https://drive.google.com/file/d/1THhBR3ftgZBbZKgPOaaVWPJtF0UtLJc3/view?usp=sharing 6: Spiegazione https://drive.google.com/file/d/1DL1OCCwOFfMekP7GSinxoj7pc1hOxFVy/view?usp=sharing 7:  Day Break https://drive.google.com/file/d/1Pmvh07hQCADtqjnfMityA9QlSWBjA9so/view?usp=sharing 8:  spiegazione https://drive.google.com/file/d/1i5eNiV-xvwspix4fWsK4wYaHpVLjDXUO/view?usp=sharing 9:  Ebony Rhapsody https://drive.google.com/file/d/19kROTfJbUvNhm8qdydOzt1sqcCn8IWTL/view?usp=sharing 10: spiegazione https://drive.google.com/file/d/1fpeslwe7E_e901gxDoI525J2brfDuucI/view?usp=sharing 11:  Sepia panorama https://drive.google.com/file/d/1OTyhjYK3TKCwDDMCpHuCPIjflYnrax5E/view?usp=sharing 12: Take a Train https://drive.google.com/file/d/1vu9J4wz86HogG_-m5_aE1a8jBCik6p_Y/view?usp=sharing 13: Mooche https://drive.google.com/file/d/1yCHQNXnWyHVKUpEPg3XiHVeUdemW6apB/view?usp=sharingLeggi tutto DUKE ELLINGTON, introduzione all’ascolto a cura di Andrea Varolo (con gli AUDIO della lezione). Alla Officina della Musica di Via Giulini, Como. Articolo di Alessio Brunialti in La Provincia di Como, 13 febbraio 2019

LOUIS ARMSTRONG, Melancholy blues

https://youtu.be/qYyiQrLkD-o da https://voyager.jpl.nasa.gov/golden-record/whats-on-the-record/music/ Music From Earth The following music was included on the Voyager record. Bach, Brandenburg Concerto No. 2 in F. First Movement, Munich Bach Orchestra, Karl Richter, conductor. 4:40 Java, court gamelan, "Kinds of Flowers," recorded by Robert Brown. 4:43 Senegal, percussion, recorded by Charles Duvelle. 2:08 Zaire, Pygmy girls' initiation song, recorded by … Leggi tutto LOUIS ARMSTRONG, Melancholy blues

mi ricordo della Musica Jazz dei THE NECKS

THE NECKS  Toni Buck, Batteria     Lloyd Swanton, Contrabbasso     Chris Abrahams, Piano The Necks: Official Homepage La musica che ho sempre cercato e che, nel gennaio 2006 ho finalmente trovato. Come i tesori delle terre sconosciute. Nella storia del Jazz spesso si legge che, nei momenti di svolta, gli appassionati ascoltatori dicevano "c'è uno che suona in … Leggi tutto mi ricordo della Musica Jazz dei THE NECKS

la musica Jazz dei THE NECKS, dischi ricordati da Paolo Ferrario, Italia

Toni Buck, Batteria     Lloyd Swanton, Contrabbasso     Chris Abrahams, Piano The Necks: Official Homepage La musica che ho sempre cercato e che, nel gennaio 2006 ho finalmente trovato. Come i tesori delle terre sconosciute. Nella storia del Jazz spesso si legge che, nei momenti di svolta, gli appassionati ascoltatori dicevano "c'è uno che suona in modo nuovo" … Leggi tutto la musica Jazz dei THE NECKS, dischi ricordati da Paolo Ferrario, Italia

PAROLE DI JAZZ di e con Marco Ballerini e con i musicisti Alfredo Ferrario (clarinetto), Sandro Gibellini (chitarra), Roberto Piccolo (contrabbasso) e Massimo Caracca (batteria), al Teatro Sociale di CANZO (Como), via Volta 2, 13 febbraio 2016

Coatesa sul Lario e dintorni

STAGIONE TEATRALE DI CANZO
Teatro Sociale, via Volta 2, Canzo, ore 21, biglietti a 18 sacchi
CANZO2862CANZO2863

View original post

CARLO UBOLDI & LAURA FEDELE – PIANOFORTE, PIANOCITY 12 maggio 2013 Giardino della galleria di Arte Moderna – MILANO “Beatles o Stones?”

PIANOCITY 12 maggio 2013 Giardino della galleria di Arte Moderna - MILANO "Beatles o Stones?" CARLO UBOLDI & LAURA FEDELE - PIANOFORTE Video a cura di Piero Camurati https://youtu.be/8OmtKGh3rU0 https://youtu.be/2YSKnllTmHw  

CARLO UBOLDI: Il JAZZ (cosa è per i musicisti e per gli ascoltatori) e lo SWING, lezioni alla Casa della Musica di Como, 13 e 20 gennaio 2015. Audio e punti chiave

Vai al sito della Casa della Musica: http://casadellamusica.org/ una davvero magnifica lezione: colta, istruttiva, divertente. Per "iniziare " al jazz chiunque. Anche chi lo ascolta da più di 60 anni. AUDIO della 1° parte il jazz nasce vocalmente "canzonette" reinterpretate in maniera jazzistica AUDIO della 2° parte la possibile traduzione di "jazz" è: fracasso, rumore, orgia … Leggi tutto CARLO UBOLDI: Il JAZZ (cosa è per i musicisti e per gli ascoltatori) e lo SWING, lezioni alla Casa della Musica di Como, 13 e 20 gennaio 2015. Audio e punti chiave

The Necks – Silverwater :: Le recensioni di Onda Rock

"Silverwater" è il trionfo dell'improvvisazione come e forse in maniera più accentuata che sul precedente "Chemist". Da quest'ultimo, infatti, prende le mosse per sviluppare una consistenza se possibile ancora più diluita tra le ritmiche di un piano intrappolato nelle trame minimaliste, le evasioni jazz e i canoni classici.Il basso stavolta segue i tracciati di un … Leggi tutto The Necks – Silverwater :: Le recensioni di Onda Rock

Renato Sellani and Danilo Rea, Amapola (2008)

Amapola (2008)El álbum "Amapola", producido por la prestigiosa etiqueta japonesa Venus Records, es ante todo el testimonio del inédito encuentro de dos de los mayores pianistas italianos de jazz: Renato Sellani y Danilo Rea. Dos generaciones, dos estilos, dos modos de entender el jazz, a comparar. Dos grandes artistas unidos por el amor común por … Leggi tutto Renato Sellani and Danilo Rea, Amapola (2008)

I migliori (secondo noi) dischi del 2009, http://italia.allaboutjazz.com

il 2009 ha offerto tantissimi spunti di interesse. Un personaggio su tutti? Jon Irabagon. Appuntatevi questo nome... con tre CD (Jon Irabagon's Outright!, I Don't Hear Nothin' But the Blues in duo con Mike Pride e This Is Our Moosic come membro dei Mostly Other People Do the Killing) ci ha stupito e deliziato con … Leggi tutto I migliori (secondo noi) dischi del 2009, http://italia.allaboutjazz.com

Il Jazz Vocale al maschile: Jimmy Rushing (1901-1972), Louis Armstrong (1901-1971), Bill Henderson (1930), Frank Sinatra (1915-1998), Bob Dorough (1923), Billy Eckstine (1914-1993), Matt Dennis (1914-2002), Tony Bennett (1926), Ernie Andrews (1927), Lou Raws (1935-2006) | GEROVI-JAZZ

Vai a:Il Jazz Vocale al maschile | GEROVI-JAZZ Blogged with the Flock Browser

The Necks: Pop Will Eat Himself, analisi passional-stilistica di Paolo Ferrario

The Necks: Pop Will Eat Himself Recensione di: Amalteo , (Thursday, October 22, 2009) Niente di professionale. Questa è solo una analisi passional-stilistica di: The Necks- "Pop Will Eat Himself" Seconda parte del concerto tenuto al The Factory Theatre di Sidney, 2008 (clicca sulla parti evidenziate con -->) Mio demerito. E' terribile "smontare" in 5 … Leggi tutto The Necks: Pop Will Eat Himself, analisi passional-stilistica di Paolo Ferrario

Gianni Basso 1931-2009

Gianni Basso 1931-2009È morto il sassofonista astigiano, tra i più influenti solisti italiani del dopoguerraIl sassofonista Gianni Basso, tra i maggiori solisti italiani del dopoguerra, è morto all'età di 78 anni. Nato ad Asti nel 1931, Basso esordisce in Belgio, dove aveva passato l'infanzia, nella big band di Raoul Falsan, nel 1946. Al ritorno in … Leggi tutto Gianni Basso 1931-2009

THE NECKS IN CONCERT WITH BRIAN ENO

THE NECKS IN CONCERT WITH BRIAN ENOWe are very excited to announce that, further to the season of Food Court at Brian Eno's Luminous Festival at the Sydney Opera House, we will be performing in concert with Eno, in Pure Scenius, the massive event he has devised as the festival finale on Sunday 14th June.Appearing … Leggi tutto THE NECKS IN CONCERT WITH BRIAN ENO

Billie Holiday: Gianni Del Savio, dedicherà una lunga e variopinta dissertazione nel prossimo incontro di Zig Zag (via della Libertà 10, San Donato Mi

A cinquant’anni dalla morte, era il 17 luglio 1959 a New York, Billie Holiday rimane una delle figure più importanti della cultura afroamericana. La sua straordinaria capacità di interpretare le canzoni, su tutte il lancinante manifesto di Strange Fruit, la frequentazione con i massimi jazzisti della sua epoca, da Count Basie al tormentato legame con … Leggi tutto Billie Holiday: Gianni Del Savio, dedicherà una lunga e variopinta dissertazione nel prossimo incontro di Zig Zag (via della Libertà 10, San Donato Mi

GEOFF DYER: Sulla musica dei THE NECKS, in La musica che abbiamo attraversato, a cura di Ranieri Polese, Editore Guanda, 2005, Traduzione di Giovanni Garbellini

Se la musica di Molvaer si può definire post-jazz, allora quella dei Necks va considerata a buon diritto «post-tutto». A volte vengono definiti un trio jazz, e va bene; basta aggiungere subito che hanno completamente rivisto l'idea di base di una simile formazione. L'accoglienza estatica ricevuta dall'Esbjorn Svensson Trio alla Royal Festival Hall nel 2003 … Leggi tutto GEOFF DYER: Sulla musica dei THE NECKS, in La musica che abbiamo attraversato, a cura di Ranieri Polese, Editore Guanda, 2005, Traduzione di Giovanni Garbellini