Author Archives

Paolo Ferrario

https://mappeser.com/paolo-ferrario-2/

Siamo fatti della stessa sostanza di cui sono fatti i sogni e la nostra breve vita è conclusa da un sonno, SHAKESPEARE, da La tempesta, atto IV, scena 1

Questi nostri attori erano spiriti, e tutti  si sono dissolti nell’aria, nell’aria sottile come loro. E come il fragile edificio di questa favola, si dissolveranno un giorno le torri orgogliose che toccano con la loro cima le nubi, gli splendidi palazzi e i templi solenni – si dissolverà lo stesso […]

GASPARE ARMATO, intervista su: Politiche sociali e servizi, un libro del prof. Paolo Ferrario – in gasparearmato.com, 12 maggio 2016

  Negli ultimi decenni del Novecento, lo studio della Storia sociale ha avuto una certa metamorfosi, un maggiore avvicinamento alle questioni culturali, una storia in evoluzione in cui l’uomo è l’attore protagonista di un continuumche parte da lontano e, fra relazioni e interrelazioni, raggiunge l’oggi. Un uomo, ancora, che è […]

ABITARE IL FUTURO: un nuovo equilibrio per uscire dalla crisi della CITTA’ contemporanea, dibattito con DORIAM BATTAGLIA e PAOLO FERRARIO, a cura della Associazione ex-allievi dell’Istituto Nazionale di Setificio, Como, Via Castelnuovo 5, 12 maggio 2016, ore 21

  Abitare il futuro: un nuovo equilibrio per uscire dalla crisi della città contemporanea. Si parlerà di interior design e architettura toccando gli aspetti del comfort su misura, accessibilità, risparmio energetico, estetica funzionale. Conosceremo un po’ più da vicino archistar come Frank O.Gehry (Guggenheimdi Bilbao), Libenskind (City life Milano e […]

Roba minima – Omaggio a Enzo Jannacci. il nuovo lavoro dei Dumanbass – affiatato e poetico duo comasco composto daClaudio Malfatto (voce e chitarra) e Disma Cecchet (chitarra),  http://www.teatrosanteodoro.it

STAGIONE DEL TEATRO SAN TEODORO Teatro San Teodoro, via Corbetta 7, ore 21, biglietti a 20 sacchi Roba minima – Omaggio a Enzo Jannacci. Quattro musicisti che intessono la tela con le note e le parole di Jannacci. Sei attori trasfigurati su una tavolozza emotiva. Dieci anime che, come novelli […]

non me ne fotte niente delle religioni

il tempo stringe. la vita, probabilmente, sta contando gli anni, i giorni e le ore. e allora devo “guadagnare tempo”: basta visite alle chiese, basta pitture con i santi degli dei monoteisti, basta frasettine degli ayatollah vaticanisti e islamici … non me ne fotte niente delle religioni più tempo per me. […]

mi ricordo che il 9 aprile 2016 ho rinnovato l’iscrizione al PD – Partito Democratico: appunti di PERCORSO

Ottima la relazione del segretario provinciale: è un dovere sostenere il Governo sentire l’appartenenza al partito che si assume responsabilità: si dovrebbe essere fieri è in gioco la capacità di dimostrare cosa sa fare un partito che si assume la responsabilità di GOVERNARE un partito in evoluzione anche in rapporto […]

Mark Strand

Originally posted on Interno poesia:
La vita tranquilla Sei in piedi alla finestra. C’è una nube di vetro a forma di cuore. I sospiri del vento sono caverne in ciò che dici. Sei il fantasma sull’albero di fuori. La strada è muta. Il clima, come il domani, come la tua…

29 marzo 1516. Cinquecento anni dall’apertura del  primo ghetto ebraico della Storia, quello di Venezia, di Paolo Salom

Il primo ghetto di Paolo Salom La data, innanzitutto: 29 marzo 1516. Dunque oggi fanno cinquecento anni esatti. Da cosa? Dall’apertura — ma forse dovemmo usare il termine contrario, «chiusura» — del primo ghetto ebraico della Storia, quello di Venezia. L’etimologia della parola è nota: nel quartiere, la contrada di […]

MARIO BENEDETTI, “Come farti capire che c’è sempre tempo? Che uno deve solo cercarlo e darselo, Che non è proibito amare, Che le ferite si rimarginano …

Mi hanno “regalato” questi versi, e io te li regalo. Patrizia   COME FARTI CAPIRE Come farti capire che c’è sempre tempo? Che uno deve solo cercarlo e darselo, Che non è proibito amare, Che le ferite si rimarginano, Che le porte non devono chiudersi, Che la maggiore porta è […]

Agorà severiniana: carteggio epistolare con A.P. (del gruppo Amici di Emanuele Severino)

Gentile Paolo, ripeto, sono io a ringraziarti perchè sto guardando dall’estero, quasi ogni sera (energia elettrica e wifi permettendo) quanto hai generosamente e passionalmente inserito nel tuo sito “Antologia…:”. Per dirti che non sono solo innamorato della indubbia genialità di Severino (da me conosciuto partendo dal suo dibattito con Irti […]

Provare a vivere nel tempo del TERRORISMO MAFIOSO/ISLAMICO. Carteggio con un antropologo nepalese, 23 marzo 2016

Grazie Carissimo! E’ solo una questione di onesta intellettuale. Dal punto di vista delle politiche sociali e welfare io sarei sicuramente un socialdemocratico alla scandinava, quindi di “sinistra” se si vuol definire così. Nelle elezioni primarie presidenziali degli USA sono un sostenitore di Bernie Sanders, il rivale della Sig.ra Hillary […]

PD, Matteo Renzi: «Mi resta l’ambizione di non discutere di piccole beghe ma di temi più grandi», audio del 20 marzo 2016

AUDIO: «Conosco un metodo infallibile per non avere in maggioranza Alfano e Verdini: vincere le elezioni, cosa che nel 2013 non è accaduta». Lo ha detto Matteo Renzi al congresso dei Giovani democratici. Quella del segretario del Pd è una replica indiretta a quanti, all’interno del partito, hanno più volte […]

IERI E OGGI. Così mi diceva LAURA CONTI. Erano gli anni ’70 – ’80: “Vedi … tra di NOI ci odiamo. Ma l’odio verso gli ALTRI è ancora più forte. Ed è questo che tiene assieme il PCI”, 21 marzo 2016

erano gli anni ’70-’80 (periodo di una mia militanza di partito molto attiva). Domandai a LAURA CONTI, una dirigente molto famosa e di molta storia: “”ma perchè Ingrao e Amendola sono così distanti e c’è sempre questo conflitto interno nel PCI?”. Rispose: “Vedi … tra di NOI ci odiamo. Ma […]

Iosif Brodskij, Peccato che per te la mia esistenza diventata non sia quello che invece per me la tua esistenza è diventata …

Peccato che per te la mia esistenza diventata non sia quello che invece per me la tua esistenza è diventata. …Dal mio deserto vecchio un’altra volta lancio in un cosmo di filo spinato un mio soldino stemmato, tentando di celebrare disperatamente un momento d’accordo… Chi non sa sostituire il mondo […]

Poesia: strumento per la resilienza del caregiver del malato di Alzheimer. di Luciana Quaia, 14 marzo 2016

Gli aspetti fondamentali della terapia con la poesia si basano sul rispecchiamento dell’Io nel componimento poetico e la riformulazione dell’esperienza vissuta tramite la liberazione catartica della parola simbolica. Essa viene generalmente condotta in attività di gruppo o individuale con l’impiego di particolari tecniche psico-poetiche, finalizzate a raggiungere determinati obiettivi psicologici […]